lentepubblica

Muta Sub: quale scegliere? Una guida semplice per l’acquisto

lentepubblica.it • 22 Ottobre 2018

muta-sub-quale-scegliereLe discipline sportive da praticare sott’acqua sono attività di svago e professionistiche in costante crescita. Anche per questo motivo scegliere gli accessori più adatti è una delle cose che più sta a cuore agli amatori che si avvicinano a questo mondo. Ad esempio, in merito alla Muta Sub: quale scegliere in modo più oculato?


Gli sport acquatici, di solito, sono attività ricreative molto praticate durante le vacanze. Tuttavia, vista la numerosa mole di persone che sempre di più si lascia catturare dalla magia dell’esplorazione dei fondali, questo passatempo sta diventando molto praticato anche durante tutto l’anno.

 

Da passatempo a sport

 

Passatempo che, non di rado, diventa una vera e propria passione sportiva. Così, una giornata al mare, spesso, si tramuta anche in un vero e proprio amore per discipline più impegnative come possono essere, l’immersione, lo snorkeling o il trekking subacqueo.

 

Questo è un dato suffragato anche da varie indagini operate da esperti del settore: gli accessori nautici quali maschere da sub, mute da sub e mute stagne, infatti, risultano oggetti sempre più gettonati tra gli acquisti degli appassionati delle discipline subacquee.

 

Muta Sub: quale scegliere?

 

Ogni modello ha le sue peculiarità: non è, tuttavia, sempre facile capire quale sia quella più adatta alle proprie esigenze.

 

Per questo grazie a Nautica Mare, azienda punto di riferimento nel settore degli accessori nautici, scegliere una muta sub che calzi a pennello e sia ideale per le proprie attitudini, sarà molto più semplice.

 

Inoltre, tra l’ampia gamma di prodotti offerti in catalogo troviamo, ad esempio, tantissimi accessori da abbinare alle proprie mute, come cavigliere e calzari rock boot di vario tipo.

 

Le caratteristiche da tenere in considerazione

 

In generale, tra le specifiche più importanti da considerare per la scelta della muta da sub ideale possiamo elencare almeno le seguenti:

 

  • La taglia: ovviamente deve essere il più possibile adattata alla statura di chi la indossa;
  • Il luogo in cui si pratica l’attività subacquea
  • La stagione scelta per la propria passione.

 

A seconda di queste caratteristiche sopra citate (senza dimenticare la temperatura e la durata di permanenza in acqua) dovremo scegliere il materiale e lo spessore della muta più in linea con esse.

 

In questo senso, l’esperienza di Nautica Mare in materia di forniture, risulterà assolutamente conforme a ciò.

 

A titolo di esempio, basterebbe citare il modello in catalogo di muta stagna: questo indumento particolare è infatti molto gettonato e utilizzato da moltissimi subacquei che, nei mesi invernali, si lanciano nelle immersioni lacustri più ardite.

 

Tra i modelli di muta stagna si trova un assortimento composto da vari materiali: si va dalla muta stagna in neoprene (facile da usare, confortevole e calda) fino a mute stagne in trilaminato, le quali permettono una maggior mobilità.

 

Una passione da seguire all’insegna della prudenza

 

Questo discorso sull’importanza della muta da sub non ha un fine semplicemente estetico: anzi, è un discorso che riguarda da vicino anche la salute di chi le indossa.

 

Una muta da sub idonea all’attività praticata, infatti, ci proteggerà dal rischio di effetti collaterali anche potenzialmente devastanti per il nostro corpo.

 

Una su tutte il rischio di ipotermia che, se si effettua un’immersione a una profondità notevole o a una temperatura eccessivamente bassa, è sempre in agguato.

 

La giusta muta da sub, in conclusione, funzionerà come uno scudo perfetto, proteggendo perfettamente il nostro corpo durante l’immersione e massimizzando il piacere che potremmo trarre da questa attività fisica.

0 0 votes
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments