lentepubblica


Controversie sui mutui Euribor: la Cassazione mette in difficoltà i consumatori

lentepubblica.it • 23 Maggio 2024

mutui-euribor-cassazione-consumatoriUna recente sentenza della Cassazione, la 12007/24, ha sollevato polemiche nell’ambito delle controversie riguardanti i mutui e il tasso Euribor manipolato, aumentando gli oneri di prova a carico dei consumatori.


La sentenza, emanata lo scorso 3 maggio e resa pubblica da qualche giornom ha introdotto infatti nuovi obblighi per i consumatori che intendono richiedere un rimborso parziale degli interessi.

La decisione solleva interrogativi sulle modalità di tutela dei consumatori e sulla complessità delle procedure legali che devono affrontare per ottenere giustizia in casi simili. La sentenza inoltre potrebbe avere conseguenze significative per i risparmiatori e per il settore bancario nel suo complesso, richiedendo una maggiore trasparenza e responsabilità da entrambe le parti.

Il contesto

Le controversie riguardanti i mutui Euribor e il tasso manipolato hanno radici profonde nel contesto finanziario globale degli ultimi decenni. L’Euribor (acronimo di EURInter Bank Offered Rate, tasso interbancario di offerta in euro) è il tasso interbancario di riferimento comunicato giornalmente dalla European Money Markets Institute (EMMI, in precedenza nota come European Banking Federation, EBF).

È determinato dalle banche europee in base alle offerte di prestito interbancarie. Tuttavia, nel corso degli anni, si è scoperto che questo tasso di riferimento è stato oggetto di manipolazioni da parte di alcune banche, che hanno influenzato i tassi di interesse su una vasta gamma di prodotti finanziari, inclusi i mutui.

La manipolazione dell’Euribor è avvenuta tramite l’alterazione delle offerte di prestito interbancarie presentate dalle banche coinvolte. Queste manipolazioni hanno influito direttamente sui tassi di interesse applicati ai mutui, portando a un impatto significativo sui pagamenti degli interessi dei mutuatari.

Le conseguenze di questa manipolazione sono state devastanti per molti consumatori. Molti mutuatari si sono trovati a pagare interessi più elevati rispetto a quanto dovuto in base alle condizioni del mercato reale. Ciò ha generato una serie di cause legali da parte dei consumatori che cercano di ottenere un rimborso parziale degli interessi pagati in eccesso.

Le autorità di regolamentazione e giudiziarie hanno reagito a queste manipolazioni con azioni legali contro le banche coinvolte e hanno emanato sentenze volte a stabilire la responsabilità e a garantire un risarcimento ai consumatori danneggiati. Tuttavia, il percorso per ottenere giustizia è stato spesso lungo e complesso, poiché le banche hanno difeso strenuamente le proprie azioni e hanno cercato di minimizzare le conseguenze delle manipolazioni.

Controversie sui mutui Euribor: Cassazione mette in difficoltà i consumatori

Nel contesto delle recenti controversie, la sentenza della Cassazione rappresenta un nuovo sviluppo significativo e rappresenta un punto di svolta nelle controversie relative ai mutui e al tasso Euribor manipolato, poiché impone ai consumatori di affrontare nuove sfide nella richiesta di un rimborso parziale degli interessi.

Prove aggiuntive

In primo luogo, nonostante il riconoscimento teorico del diritto al rimborso, i consumatori devono ora fornire prove aggiuntive per dimostrare che le banche erano a conoscenza degli accordi illeciti riguardanti il tasso Euribor. Questo significa che i consumatori devono dimostrare non solo che il tasso Euribor è stato manipolato, ma anche che le banche erano consapevoli di questa manipolazione. Tale onere probatorio aggiuntivo complica ulteriormente il processo per i consumatori.

Nullità delle clausole Euribor solo ad alcune condizioni

In secondo luogo, la sentenza evidenzia che le clausole contrattuali che fanno riferimento all’Euribor potrebbero essere considerate nulle solo se sia dimostrato che il tasso è stato effettivamente alterato a causa di pratiche illecite e che ciò ha avuto un impatto significativo sui contratti dei consumatori. Questo implica che la dimostrazione dell’alterazione del tasso Euribor e del suo impatto sui contratti deve essere valutata caso per caso, tenendo conto del momento in cui le pratiche illecite hanno influenzato il mercato.

Le conseguenze per i consumatori

In buona sostanza, la sentenza della Cassazione pone nuovi ostacoli per i consumatori che intendono ottenere un rimborso parziale degli interessi legati al tasso Euribor manipolato.

Oltre alla necessità di dimostrare la conoscenza delle pratiche illecite da parte delle banche, i consumatori devono anche provare che tali pratiche abbiano effettivamente alterato il valore dell’Euribor e che ciò abbia avuto un impatto significativo sui loro contratti.

Il testo della sentenza

Qui il documento completo.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments