fbpx

Un boomerang la norma sugli imballaggi per gli alimenti sfusi?

lentepubblica.it • 16 Ottobre 2017

Imballaggi-alimentariLo stop graduale dal primo gennaio 2018 dei sacchetti di plastica forniti come imballaggio per alimenti sfusi causerà, per la presidente Prampolini Manzini, “nuovi costi per i consumatori e nessun beneficio per l’ambiente”. “Occorre assolutamente una proroga del Governo”.


 

Il decreto legge Mezzogiorno del giugno scorso dispone lo stop graduale a partire dal primo gennaio 2018 dei sacchetti di plastica forniti come imballaggio per alimenti sfusi (ad esempio frutta e verdura) che dovranno essere sostituiti da sacchetti biodegradabili ceduti esclusivamente a pagamento. “Il decreto –spiega Donatella Prampolini Manzini, presidente Fida, la Federazione Italiana Dettaglianti dell’Alimentazione di Confcommercio-Imprese per l’Italia, e vicepresidente nazionale Confcommercio- recepisce una norma europea che ha lo scopo di tutelare l’ambiente e stimolare i consumatori ad adottare comportamenti sostenibili. Riteniamo però che l’impatto della nuova normativa non sia stato adeguatamente valutato. Per questo chiediamo una proroga prima dell’applicazione del provvedimento”.

 

“Siamo convinti, infatti – continua Donatella Prampolini Manzini- che il provvedimento si trasformerà in un boomerang sia per i consumatori che per l’ambiente. La soluzione adottata avrà effetti ben diversi da quelli delle norme sugli shopper. In quel caso il consumatore aveva un’alternativa: l’acquisto di shopper riutilizzabili. In questo caso non è possibile perché gli alimenti freschi rischierebbero di contaminarsi a contatto con sacchetti riutilizzati, indipendentemente dal loro materiale. Se l’obiettivo è quello di spingere il consumatore verso un comportamento più sostenibile per l’ambiente, in questo caso non sarà possibile e semplicemente il consumatore non potrà far altro che pagare per i nuovi sacchetti, più costosi e che il punto vendita non potrà far a meno di fargli pagare pena una sanzione dai duemila e cinquecento ai centomila euro”.

 

“Per il consumatore –sottolinea ancorail presidente Fida – il provvedimento comporterà pertanto solamente nuovi costi e per l’ambiente il rischio è che nei punti vendita lo sfuso venga gradualmente sostituito col confezionato e in questo caso si avrà l’effetto contrario a quello ricercato dal legislatore europeo perché aumenteranno gli imballaggi più inquinanti”. “Occorre assolutamente una proroga del Governo –conclude Donatella Prampolini Manzini- ed è ciò che abbiamo chiesto al Ministero. Trattandosi del recepimento di una norma comunitaria, infatti, non ci sono altri margini di manovra se non ridiscutere la norma a livello europeo e far capire in quella sede le criticità che impediscono di raggiungere le finalità che essa persegue”.

 

 

Fonte: Confcommercio
avatar
  Subscribe  
Notificami