lentepubblica

Novità quarantena Covid-19, Decreto in Gazzetta Ufficiale: ecco quali sono le nuove regole

lentepubblica.it • 31 Dicembre 2021

novità quarantena covid-19Una nuova Cabina di Regia e un nuovo CdM, tramite un nuovo Decreto, hanno modificato le regole sul tema dell’isolamento dopo il contatto con un positivo: ecco quali sono le novità sulla quarantena Covid-19.


Le Novità sulla quarantena Covid-19 seguono la riunione del Comitato tecnico scientifico, per discutere di una  riduzione della quarantena.

Nelle ultime settimane c’è stato un forte aumento dei contagi, a causa delle feste natalizie e della diffusione della variante Omicron. Per questo, molti italiani sono stati costretti a rimanere a casa, sia per positività al virus che per contatto con un positivo.

Ad oggi, la quarantena per contatto con un positivo era fissata a 7 giorni per i vaccinati e 10 giorni per chi non è vaccinato. Dopo il periodo di quarantena, c’è bisogno di sottoporsi ad un tampone antigienico o molecolare, per attestare la negatività.

Ma proprio a causa della diffusione della variante Omicron, che ha effetti meno gravi, ma che si diffonde molto più facilmente, il virus sta costringendo in molti a rimanere a casa. Ciò può portare a non garantire i servizi essenziali, dato il numero di giorni in cui si deve stare in quarantena.

Novità quarantena Covid-19: ecco quali sono

Dalla riunione del CTS dal Consiglio dei Ministri che ne è seguito è stato deciso che i vaccinati con la terza dose booster, non dovranno rispettare alcun periodo di quarantena.

Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo.

Fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso.

Il motivo della decisione è quello di alleggerire e cambiare il sistema del contact tracing, eliminando la quarantena per chi ha la terza dose ed è venuto a contatto con un positivo.

Le tre categorie

Nello specifico vigeranno tre categorie di quarantena:

  • Per i non vaccinati, prima categoria, continueranno a vigere le attuali regole (quarantena di 10 giorni);
  • per la seconda categoria, per chi ha eseguito l’ultima vaccinazione da più di quattro mesi – quindi con minore copertura dal contagio – l’autoisolamento scenderebbe da 7 a 5 giorni, con test negativo.
  • infine la terza categoria: quarantene che non saranno più previste per i vaccinati con booster o con due dosi da meno di quattro mesi che vengano a contatto con una persona poi risultata positiva al Covid, se asintomatici. In questi casi sarà prevista una forma di autosorveglianza e l’esecuzione, al quinto giorno dal contatto con il caso positivo, di un tampone con esito negativo.

Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.

Green pass rafforzato

Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del Green Pass rafforzato alle seguenti attività:

  • alberghi e strutture ricettive;
  • feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;
  • sagre e fiere;
  • centri congressi;
  • servizi di ristorazione all’aperto;
  • impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici;
  • piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto;
  • centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto.

Slitta invece al prossimo Cdm l’ipotesi dell’estensione del Super pass a tutti i lavoratori, un provvedimento da sempre sostenuto dal ministro per la funzione pubblica Renato Brunetta.

Inoltre il Green Pass rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

Capienze

Il decreto prevede che le capienze saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.

Il testo del Decreto in Gazzetta Ufficiale

A questo link potete consultare il testo completo del Decreto.

Le schede di approfondimento ALI

A questo link potete inoltre consultare le schede di riepilogo di ALI – Autonomie Locali Italiane.

Da Walter Riccardi un invito alla prudenza

Allo stesso tempo, il consulente del Ministro della Salute, Walter Riccardi, intima alla prudenza:

“Va bene la riduzione della quarantena per vaccinati con tre dosi, ma deve esserci un’analisi molto precisa su ciò che questo significa in termini di circolazione del virus. La velocità di riproduzione di Omicron è impressionante. Questa ondata sarà la più imponente dal punto di vista quantitativo, fortunatamente non avrà lo stesso impatto di quelle precedenti dal punto di vista sanitario. Attualmente siamo nella fase di mitigazione, nella quale bisogna abbassare la curva. Intanto dobbiamo vaccinare giorno e notte. La terza dose anti-Covid è protettiva contro Omicron e agisce quasi subito dopo la somministrazione”.

4 4 votes
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Antonio d'Annibale
Antonio d'Annibale
30 Dicembre 2021 14:46

non è chiaro se tutti i mezzi di trasporto che debbono avere il Super green pass, includono anche i voli aerei!

Cristina Manfredi
Cristina Manfredi
Reply to  Antonio d'Annibale
3 Gennaio 2022 18:41

Sempre questo problema fondamentale che riguarda la stragrande maggioranza della popolazione. Chi se ne frega! e, comunque, non si capisce perché i voli aerei dovrebbero essere più sicuri degli autobus e dei treni locali

Antonio d'Annibale
Antonio d'Annibale
Reply to  Cristina Manfredi
4 Gennaio 2022 10:25

cara cristina, ma il senso della mia domanda era proprio quello di capire il contrario di quello che hai capito, cioè perchè i trasporti pubblici con il Super green pass debbono essere più sicuri dei voli? Ma poi ho investigato meglio ed ho capito che il Super green pass ci vuole per tutti i trasporti, incluso i voli! Quindi tutto giusto! ma i giornali che informano sono spesso poco chiari, compreso lentepubblica!!!

Cristina Manfredi
Cristina Manfredi
3 Gennaio 2022 18:39

I plurisforacchiati che erano con me il 25 sono tutti a letto col virus. Quanto ai servizi essenziali, è da un pezzo che ce li siamo scordati