Nuovo Regime Forfettario per attività di commercio non specializzato: qual è il limite dei ricavi?

lentepubblica.it • 19 Gennaio 2015

Un contribuente che ha esercitato l’opzione per il nuovo regime forfettario e che svolgerà attività di commercio non specializzato (codice Ateco 47.19.90), quali limiti di ricavi ha?

Annafrancesca Marchegiani

 

Il nuovo regime fiscale agevolato per imprenditori, professionisti e artisti di dimensioni ridotte è stato introdotto dall’articolo 1, commi 54-89, della legge 190/2014. Per accedervi è richiesto, tra l’altro, che i ricavi conseguiti o i compensi percepiti, ragguagliati ad anno e senza considerare gli eventuali importi derivanti dall’adeguamento agli studi di settore o ai parametri, non superino un determinato limite, diversificato a seconda dell’attività esercitata. Per il commercio al dettaglio e all’ingrosso (attività contrassegnate dai codici Ateco 45, da 46.2 a 46.9, da 47.1 a 47.7, e 47.9), il valore soglia di ricavi è fissato a 40mila euro.

 

 

FONTE: Fisco Oggi – Rivista Telematica dell’Agenzia delle Entrate

AUTORE: Gianfranco Mingione

 

 

 

commercialista

 

 

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami