Offerta tecnica priva di sottoscrizione: il soccorso istruttorio è applicabile?

lentepubblica.it • 19 Dicembre 2017

soccorso-istruttorio-offerta-tecnicaLa questione riguarda la possibilità di sanare la carenza della sottoscrizione dell’offerta tecnica.


 

Sull’argomento, la giurisprudenza ha evidenziato che «nelle gare pubbliche la funzione della sottoscrizione della documentazione e dell’offerta è quella di renderla riferibile al presentatore dell’offerta vincolandolo all’impegno assunto, con la conseguenza che laddove tale finalità risulta in concreto conseguita, con salvaguardia del sotteso interesse dell’Amministrazione, non vi è spazio per interpretazioni puramente formali delle prescrizioni di gara» (Consiglio di Stato, sez. V, 03.05.2016 n. 1687).

 

La Determinazione ANAC n. 1 del 08.01.2015, nella vigenza del precedente codice degli appalti, considerava la sottoscrizione un elemento essenziale, e tuttavia sanabile, ferma restando la riconducibilità dell’offerta al concorrente in modo da assicurare, contemporaneamente, la provenienza, la serietà e l’affidabilità dell’offerta stessa.

 

Secondo l’ANAC, è dunque possibile affermare che, ferma restando la riconducibilità dell’offerta al concorrente (che escluda l’incertezza assoluta sulla provenienza), anche ai sensi dell’articolo 83, comma 9, del d.lgs. n. 50/2016, in applicazione del principio del soccorso istruttorio, è sanabile ogni ipotesi di mancanza, incompletezza o irregolarità, ivi incluso l’elemento della sottoscrizione» (Deliberazione ANAC n. 1179 del 15.11.2017 e n. 432 del 27.04.2017).

 

Il  decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la  trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari),  convertito, con modificazioni in legge 11 agosto 2014, n. 114, ha modificato  con l’art. 39, rubricato «Semplificazione  degli oneri formali nella partecipazione a procedure di affidamento di  contratti pubblici», gli  articoli 38 e 46 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (di seguito Codice),  che riguardano  – rispettivamente – i requisiti  di ordine generale occorrenti per la partecipazione alle procedure di  affidamento di contratti pubblici e i documenti e le informazioni complementari  nonché la tassatività delle cause di esclusione.

 

La  disposizione dell’articolo 39 è collocata nel titolo IV del d.l. 90/2014, che  riguarda le «Misure per lo  snellimento del processo amministrativo e l’attuazione del processo civile  telematico». Tale  collocazione deve essere tenuta in considerazione ai fini dell’esatta  individuazione della sua portata espansiva, in un’ottica di deflazione del  contenzioso amministrativo in materia di appalti pubblici, di cui una parte  alquanto rilevante riguarda la fase di ammissione ed esclusione dalla gara (spesso  per questioni di carattere puramente formale) ovvero contestazioni, da parte di  alcuni concorrenti, in ordine all’ammissione di altri.

 

Per effetto di tale novella legislativa, è  stato inserito nell’art. 38 del Codice, il nuovo comma 2-bis, ai sensi del quale «la mancanza, l’incompletezza e ogni altra  irregolarità essenziale degli elementi e delle dichiarazioni sostitutive di cui  al comma 2 obbliga il concorrente che vi ha dato causa al pagamento, in favore  della stazione appaltante, della sanzione pecuniaria stabilita dal bando di  gara, in misura non inferiore all’uno per mille e non superiore all’uno per  cento del valore della gara e comunque non superiore a 50.000 euro, il cui  versamento è garantito dalla cauzione provvisoria. In tal caso, la stazione  appaltante assegna al concorrente un termine, non superiore a dieci giorni,  perché siano rese, integrate o regolarizzate le dichiarazioni necessarie,  indicandone il contenuto e i soggetti che le devono rendere.

 

Nei casi di  irregolarità non essenziali ovvero di mancanza o incompletezza di dichiarazioni  non indispensabili, la stazione appaltante non ne richiede la regolarizzazione,  né applica alcuna sanzione. In caso di inutile decorso del termine di cui al  secondo periodo il concorrente è escluso dalla gara. Ogni variazione che  intervenga, anche in conseguenza di una pronuncia giurisdizionale,  successivamente alla fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle  offerte non rileva ai fini del calcolo di medie nella procedura, né per  l’individuazione della soglia di anomalia delle offerte».

 

 

Fonte: ASFEL - Associazione Servizi Finanziari Enti Locali
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
lentepubblica.it - Offerta Tecnica non Conforme: esclusione dall'appalto? Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami