fbpx

Politica dei trasporti: pianificare le strategie prima delle opere

lentepubblica.it • 25 Marzo 2015

opere, sabatini, autotrasportatoriChi, senza aver ancora deciso dove andare, sceglierebbe il mezzo per compiere il viaggio? Nessuno. E allora, perché dovrebbe farlo la politica? Di questa semplice riflessione dovrebbe tener conto il premier Matteo Renzi che, parlando nei giorni scorsi di “ritorno dell’assunzione di responsabilità della politica che ha il dovere di decidere”, ha ribadito un concetto fondamentale, che ci auguriamo trovi conferma anche nella scelta del nuovo ministro dei Trasporti, in sostituzione del dimissionario Maurizio Lupi.

 

Un concetto che impone di stabilire come priorità il traguardo da raggiungere, ovvero una politica dei trasporti che torni ad avere la prevalenza, decidendo prima le scelte strategiche necessarie allo sviluppo del Paese e poi le opere necessarie a realizzare il disegno. Invertendo così la scelta attuata da anni dai vari esecutivi che si sono occupati della realizzazione di opere pubbliche senza avere un disegno d’insieme degli obiettivi da raggiungere.

 

Definito questo, compito che appartiene alla politica, concentrarsi sui controlli per assicurare la trasparenza nella realizzazione delle opere diventerà più semplice. A patto d’impedire che venga lasciato a chi ha compiti esecutivi il compito d’individuare quali opere debbano avere la preminenza: la struttura tecnica di missione (non a caso è così definita) deve solo occuparsi che le opere siano in linea con le scelte politiche, non deve influenzarle. Ed è proprio questa impostazione sbagliata che ha generato in passato macroscopici errori.

 

Come per esempio il protocollo trasporti delle Alpi, per effetto del quale si vieta al nostro Governo di scegliere, in relazione alle proprie necessità e interessi, la realizzazione di nuove infrastrutture. Come potrebbe essere il traforo del Mortirolo, opera che darebbe una risposta all’economia di Valtellina e Val Camonica, togliendo dall’isolamento una valle e realizzando un’area turistica in grado di competere con quelle di Svizzera e Austria. Ecco perché occorre una scelta politica. Attuata e non solo annunciata.

 

Paolo Uggè, presidente Fai Conftrasporto e vice presidente Confcommercio

Fonte: Confcommercio
avatar
  Subscribe  
Notificami