Passaporto per cani: tutto ciò che c’è da sapere

lentepubblica.it • 19 Aprile 2019

passaporto-caneGli animali da compagnia sprovvisti di passaporto non possono uscire dal territorio nazionale perché il Regolamento dell’Unione Europea stabilisce che i nostri amici a quattro zampe devono avere  necessariamente un passaporto per cani. Andiamo a vedere meglio di cosa si tratta.


Elementi del passaporto per cani

Il passaporto per cani deve contenere:

  • il nome, specie, razza, sesso, colore, data di nascita dichiarata dal proprietario e qualsiasi tratto o caratteristica visibile o distintiva dell’animale da compagnia;
  • il nome e recapiti del proprietario;
  • nome, recapiti e firma del veterinario autorizzato che rilascia o completa il documento di identificazione;
  • firma del proprietario;
  • dettagli della vaccinazione antirabbica;
  • data del prelievo dei campioni di sangue per il test di titolazione degli anticorpi per la rabbia;
  • conformità alle misure sanitarie preventive per malattie o infezioni diverse dalla rabbia;
  • controllo del microchip o del tatuaggio;
  • data di applicazione o data di lettura del microchip o del tatuaggio nonché codice alfanumerico indicato su questi;
  • qualsiasi altra informazione pertinente relativa allo status sanitario dell’animale da compagnia.

 

Il passaporto dev’essere pubblicato in almeno una delle lingue ufficiali dello Stato membro di rilascio e in inglese.

Il documento è rilasciato sia per l’identificazione dell’animale, che per tutelare le persone dai rischi sanitari che possono verificarsi durante il soggiorno nei paesi ospitanti.

 

 

Chi rilascia il passaporto per cani

Il documento di identificazione è rilasciato da un veterinario autorizzato (ASL).

Dopo aver verificato che l’animale da compagnia è stato controllato in conformità al regolamento CE […]. Il veterinario autorizzato compila le voci pertinenti del documento di identificazione […], attestando in tal modo la conformità alle condizioni richieste […].

Infine il proprietario firma il documento di identificazione.

Il veterinario autorizzato conserva le informazioni […] per un periodo minimo stabilito dall’autorità competente, ma non inferiore a tre anni.

La sede ASL deve essere quella che fa riferimento alla zona di residenza del proprietario.

 

 

Con chi deve viaggiare l’animale

L’animale deve essere necessariamente accompagnato da una persona fisica.

Il proprietario stesso o una persona che designa in forma scritta può provvedere per suo conto ai movimenti a carattere non commerciale dell’animale da compagnia.

Il numero massimo di animali che possono viaggiare con una persona è 5. Se il numero massimo viene superato diventa movimentazione commerciale, e saranno presi provvedimenti.

Il numero massimo di animali da compagnia può essere superiore a cinque se vengono soddisfatte le seguenti condizioni:

a) il movimento a carattere non commerciale di animali da compagnia avviene ai fini della partecipazione a competizioni, mostre o eventi sportivi oppure per allenamento finalizzato a tali eventi;

b) il proprietario o la persona autorizzata presenta una prova scritta del fatto che gli animali da compagnia sono iscritti a un evento di cui alla lettera a) o sono registrati presso un’associazione che organizza tali eventi;

c) gli animali da compagnia hanno più di sei mesi di vita.

 

In caso di violazione del regolamento gli Stati membri stabiliscono le norme relative alle sanzioni applicabili e adottano tutti i provvedimenti necessari per assicurarne l’applicazione.

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: Articolo di Sarah Prestigiacomo
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
paolos88 Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
paolos88
Ospite
paolos88

Perché solo i cani? Vengono sempre più equiparati agli umani.Mi sembra esagerato.