lentepubblica

Codici: giusto assegnare ai profughi ucraini i beni sequestrati alla mafia

lentepubblica.it • 24 Marzo 2022

profughi-ucraini-beni-sequestrati-alla-mafiaPer l’associazione dei Consumatori Codici è giusto assegnare ai profughi ucraini i beni sequestrati alla mafia: sono circa 60mila le persone in fuga dal conflitto in Ucraina giunte finora in Italia.


Lo dicono i dati forniti dal Ministero dell’Interno, aggiornati al 21 marzo scorso. Un flusso continuo, di cui è difficile prevedere la durata.

Quel che è certo è che bisogna organizzare una rete di accoglienza adeguata. In questo senso, l’associazione Codici condivide e rilancia la decisione, annunciata nei giorni scorsi dal Viminale, di ospitare i profughi ucraini presso gli immobili confiscati alla criminalità organizzata da parte dello Stato.

 Assegnare ai profughi ucraini i beni sequestrati alla mafia

Riteniamo che sia una soluzione corretta – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codicie ci auguriamo che si vada fino in fondo, passando dalla teoria alla pratica.

Sappiamo che l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata ha eseguito un censimento per capire quanti beni possono essere assegnati ai profughi ucraini e l’auspicio è che la burocrazia non rallenti questa iniziativa.

Perché il dato che emerge è che non è ancora chiaro quali sono gli immobili già assegnati agli enti locali ma non ancora utilizzati e quali invece sono ancora da affidare.

Speriamo, quindi, che si proceda speditamente e che questa sia anche l’occasione per fare ordine proprio sui tempi di assegnazione di un bene confiscato.

Le attese, infatti, non sono sempre brevi, anzi. È auspicabile che l’iter spedito che potrebbero seguire le assegnazioni di questi beni ai profughi ucraini venga poi replicato e adottato anche per le richieste avanzate ad esempio dalle cooperative”.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: Codici
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Cristina Manfredi
Cristina Manfredi
26 Marzo 2022 13:48

Ma andassero a fare in…