Reddito di Inclusione, i beneficiari aumentano: tutti i dettagli

lentepubblica.it • 2 Luglio 2018

reddito-di-inclusione-beneficiariReddito di Inclusione, i beneficiari vedono il loro numero aumentare: dal 1° Luglio sono cambiati nuovamente i requisiti.


Si allargano i potenziali destinatari del Rei, il reddito di inclusione sociale introdotto dal governo Renzi. Da oggi, infatti, per ottenere il sussidio, come previsto dalla legge di Bilancio, i paletti sono più morbidi e quindi la platea dei potenziali beneficiari si allarga. Come previsto dalla legge di bilancio approvata dal precedente governo, vede ampliare la propria platea di destinazione, arrivando a raggiungere circa 2.5 milioni di persone.

 

Reddito di Inclusione, beneficiari e nuovi requisiti

 

Dal 1° luglio non è più necessario avere in famiglia almeno un minore, un disabile, una donna in stato di gravidanza o un disoccupato over 55 per ottenere il sussidio. Fino a giugno la platea potenziale era di circa 500.000 famiglie per 1,8 milioni di persone. Ora passa a 700.000 nuclei per 2,5 milioni di persone.

 

Il beneficio economico va da un massimo di 187,5 euro per una persona sola a 539,8 euro per famiglie con almeno sei componenti.

 

Tra i requisiti per ottenere il Rei è necessario avere un Isee non superiore a 6mila euro e un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro.

 

Pur rimanendo compatibile con l’attività lavorativa, e sempre tenendo conto del limite dei 6000€, il sostegno non è cumulabile con l’indennità di disoccupazione.

 

Il sostegno ha una durata che non può essere superiore ai 18 mesi. Al termine dei quali potrà essere nuovamente richiesto, ma solo dopo sei mesi. E nel caso che si sia tra i beneficiari del sostegno per l’inclusione attiva sarà necessario sottrarre le mensilità già erogate dal limite dei 18 mesi.

 

Come anche sintetizzato dall’INPS, ricapitolando, saranno valutate esclusivamente le condizioni economiche tra cui in particolare:

 

1) un ISEE del nucleo familiare non superiore a 6.000 euro; 

 

2) un ISR, cioè la componente reddituale dell’ISEE, non superiore a 3mila euro;

 

3) un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro; 4) un valore del patrimonio mobiliare, non superiore alla soglia di euro 6.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo componente, fino ad un massimo di euro 10.000.

 

E gli importi?

 

Importi REI 2018. L’importo del reddito di inclusione dipende dalla scala di equivalenza (allegato 1 DPCM 159/2013). In ogni caso gli importi in base ai componenti del nucleo familiare avente i requisiti, è il seguente (dopo le modifiche della Legge di Bilancio 2018):

 

  • 187,50 euro mensili e 2.250 euro annui in caso di un componente beneficiario;
  • 294,38 euro mensili e 3.532,50 euro annui in caso di due componenti beneficiari;
  • 382,50 euro mensili e 4.590 euro annui in caso di tre componenti beneficiari;
  • 461,25 euro mensili e 5.535 euro annui in caso di quattro componenti beneficiari;
  • 534,38 euro mensili e 6.412,50 euro annui in caso di cinque componenti beneficiari;
  • 539,82 euro mensili e 6.477,80 euro annui in caso di sei o più componenti beneficiari.

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami