Regolarizzazione postuma DURC: esclusione dalla gara?

lentepubblica.it • 6 Giugno 2017

durc regolarizzazione postumaIl Consiglio di Stato, sez. V, con la Sentenza del 29.05.2017 n. 2529, si è pronunciato sulla regolarizzazione postuma su invito del DURC e sui casi in cui questa è irrilevante e c’è esclusione dell’offerta.


La regolarità contributiva deve sussistere fin dalla presentazione dell’offerta e permanere per tutta la durata della procedura di aggiudicazione e del rapporto con la stazione appaltante, restando irrilevanti eventuali adempimenti tardivi dell’obbligazione contributiva.

 

L’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha chiarito che non sono consentite regolarizzazioni postume delle posizioni previdenziali, perché l’impresa dev’essere in regola con l’assolvimento degli obblighi previdenziali e assistenziali fin dalla presentazione dell’offerta e conservare tale stato per la durata della procedura di aggiudicazione e del rapporto con la stazione appaltante: sicché rimane irrilevante l’eventuale adempimento tardivo dell’obbligazione contributiva.

 

Appurato che a livello di normativa primaria, la disciplina dell’affidamento degli appalti pubblici non consente la regolarizzazione postuma della irregolarità contributiva, deve certamente escludersi che tale forma di regolarizzazione possa essere stata introdotta da una fonte di rango regolamentare, quale è il decreto ministeriale 30 gennaio 2015. È fin troppo evidente che il generale principio di gerarchia delle fonti normative non permette ad una norma regolamentare di introdurre una forma di regolarizzazione incompatibile con la disciplina di rango legislativo.

 

In allegato il testo completo della Sentenza.

 

 

 

Fonte: Consiglio di Stato, Sezione V
avatar
  Subscribe  
Notificami