lentepubblica


Appalti: richiesta di requisiti aggiuntivi ad attestazioni Soa è illegittima

lentepubblica.it • 19 Aprile 2023

richiesta-requisiti-aggiuntivi-attestazioni-soaL’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione) ha accertato la non conformità di un Comune: è illegittima la richiesta di requisiti aggiuntivi alle attestazioni Soa.


ANAC, con delibera N. 140 del 4 aprile 2023, ha accertato infatti la non conformità della procedura di un Comune per l’affidamento dell’appalto integrato di progettazione esecutiva e realizzazione di un viadotto su una zona con movimento franoso.

Nell’appalto integrato è consentita la partecipazione di operatori in possesso dell’attestazione SOA per la progettazione e l’esecuzione dei lavori, nonché degli operatori in possesso di attestazione di qualificazione per prestazioni di sola costruzione attraverso un progettista raggruppato o indicato in sede di offerta, in grado di dimostrare i requisiti di idoneità previsto dalla normativa di settore.

L’istruttoria dell’ANAC

L’istruttoria dell’Autorità è partita a seguito di un esposto dell’Ance (l’Associazione nazionale costruttori edili) territoriale.

Dalle verifiche effettuate è emerso che l’amministrazione comunale aveva richiesto requisiti ulteriori al dovuto, costituendo ciò un onere aggiuntivo per i concorrenti, in violazione dei principi di speditezza dell’azione amministrativa e del divieto di aggravamento del procedimento. E questo costituisce un comportamento illegittimo.

Richiesta di requisiti aggiuntivi ad attestazioni Soa: è illegittima

Una stazione appaltante non può richiedere ai concorrenti requisiti speciali aggiuntivi rispetto all’attestazione SOA. L’attestazione di qualificazione, infatti, costituisce condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione di capacità tecnica e finanziaria ai fini dell’affidamento di lavori pubblici.

Oltre all’illegittima previsione di requisiti economico finanziari ulteriori rispetto all’attestazione SOA, l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha verificato un’ulteriore violazione del Codice dei Contratti da parte di questo Comune, a causa della mancata previsione dell’attestazione Soa per la progettazione.

Non si può considerare un attenuante il fatto che nessun operatore economico ha impugnato il bando nei 30 giorni decorrenti dalla sua pubblicazione.

Ciò che invece ha sottolineato ANAC è l’ulteriore anomalia riguardante la mancata previsione SOA per la progettazione ed esecuzione.

Il disciplinare di gara, infatti, l’ha prevista soltanto per i lavori. “Non si rinviene alcun riferimento nel disciplinare di gara – scrive ANAC all’attestazione SOA per progettazione ed esecuzione, né alla possibilità alternativa per l’impresa concorrente attestata per la sola costruzione di avvalersi o indicare un soggetto estraneo avente la qualificazione necessaria”.

Ora il Comune ha tempo 30 giorni per prendere atto delle disposizioni prescritte da ANAC, e fornire indicazioni di quanto intende fare.

L’amministrazione coinvolta dovrà valutare il da farsi, tenendo presente lo stato di avanzamento delle opere e il pregiudizio che ne potrebbe derivare nei confronti della collettività nella sospensione del procedimento in regime di autotutela.

Il testo completo della delibera ANAC

Potete consultare qui di seguito il documento completo.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments