Sanità: i dati sulle rinunce alle cure per motivi economici

lentepubblica.it • 9 Marzo 2019

sanita-dati-rinunce-cure-motivi-economiciSanità: drammatici i dati sulle rinunce alle cure per motivi economici e sulle liste di attesa. Assicurare il diritto alla salute e sospendere l’intramoenia per ridurre i tempi.


Gli ultimi dati sulle rinunce alle cure per motivi economici sono drammatici: almeno quattro milioni di italiani sono costretti a trascurare la propria salute perché non riescono a pagare visite ed esami. A ciò si aggiungono le liste di attesa sempre più lunghe, che ovviamente spingono i pazienti che ne hanno la possibilità a ricorrere a soluzioni diverse dal sistema pubblico; chi invece non può permettersi un’assistenza privata è costretto a rinunciare alle prestazioni.
Come siamo arrivati a questo? E’ presto detto.

Anni di tagli alle risorse hanno portato l’assistenza sanitaria pubblica sull’orlo del collasso e hanno di fatto messo in discussione l’inviolabile diritto alla salute dei cittadini. La situazione è resa ancora più difficile dal blocco del turnover dei medici: nei prossimi anni si verificherà una, è proprio il caso di dirlo, emorragia di specialisti, e le decine di migliaia di medici che usciranno dal Sistema sanitario nazionale non verranno sostituiti a causa dello stop alle assunzioni. Si tratta, è evidente, di una situazione insostenibile, e non è ammissibile che il diritto alle cure venga violato per motivi economici.

La sanità, purtroppo, continua ad essere la cenerentola della politica italiana e il Governo non può continuare ad ignorare quella che è diventata un’emergenza sanitaria e sociale. Tale contesto, inoltre, penalizza in particolar modo le regioni con minori risorse economiche e i cittadini meno abbienti.

“Il diritto alle cure dei cittadini deve essere garantito. Servono soluzioni che consentano di ridurre i tempi di attesa, come una sospensione dell’intramoenia: in questo modo si darebbe, almeno in parte, respiro alle Asl che riscontrano maggiori difficoltà con le liste di attesa” – dichiara Emilio Viafora, Presidente di Federconsumatori.

Fonte: Federconsumatori
avatar
  Subscribe  
Notificami