Sanità Italiana, quanti debiti con le PMI italiane?

lentepubblica.it • 18 Settembre 2017

fondo sanitario nazionaleLe Asl pagano da sempre con molto ritardo ed è altrettanto vero che in molti casi le forniture continuano ad essere acquistate con forti differenze di prezzo tra le varie regioni. Quanti debiti ha la sanità italiana con le PMI?


 

“Sebbene negli ultimi anni lo stock sia in calo – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo – l’ammontare complessivo del debito commerciale del nostro servizio sanitario non è ancora stato ricondotto entro limiti fisiologici. Purtroppo, soprattutto nel Mezzogiorno, le nostre Asl continuano ad essere in affanno con i pagamenti, mettendo così in seria difficoltà moltissime Pmi”.

 

La sanità italiana ha accumulato un debito con i propri fornitori di 22,9 miliardi di euro.

 

Quali sono le cause che hanno determinato l’accumulazione di un debito così rilevante ?

 

“Se è noto che le Asl pagano da sempre con molto ritardo – conclude Zabeo – è altrettanto vero che in molti casi le forniture continuano ad essere acquistate con forti differenze di prezzo tra le varie regioni. Se, come ha avuto modo di denunciare la Fondazione Gimbe, nella sanità italiana si annidano circa 22,5 miliardi di euro di sprechi, è verosimile ritenere che una parte dei ritardi nei pagamenti sia in qualche modo riconducibile alle distorsioni sopra descritte. In altre parole, non è da escludere che in alcune regioni, in particolar modo del Sud, avvengano degli accordi informali tra le parti per cui le Asl o le case di cura impongono ai propri fornitori pagamenti con ritardi pesantissimi, ma a prezzi superiori rispetto a quelli, ad esempio, praticati nel settore privato”.

Fonte: CGIA Mestre
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
lentepubblica.it - Innovazioni nella Sanità: quali i modi per Agevolare il Paziente Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] Il paziente dunque può usufruire di notevoli vantaggi che ne agevolano in primo luogo gli approcci diagnostici e curativi nel momento in cui si trova ad affrontare un percorso terapeutico più o meno prolungato nel tempo; ma può anche affrontare e risolvere, senza interventi esterni, gli aspetti tecnico-amministrativi collegati. Se ciò è importante per la sanità privata, lo è ancor di più per quella pubblica, purtroppo nota per gli enormi debiti e ritardi nei pagamenti. […]