Evoluzione e riforme del settore bancario italiano: l’analisi del MEF

lentepubblica.it • 28 Luglio 2016

sistema bancarioNegli ultimi due anni sono stati introdotti radicali mutamenti nel settore bancario italiano, su cui il Governo è intervenuto fin dall’inizio del suo mandato: le riforme delle banche popolari e delle banche di credito cooperativo (BCC), l’autoriforma delle Fondazioni bancarie, l’introduzione del meccanismo di Garanzia sulla Cartolarizzazione delle Sofferenze (GACS) e la velocizzazione dei tempi di recupero crediti.

 

Si tratta di interventi di riforma che incidono strutturalmente sul funzionamento del mercato del credito, con effetti che si potranno apprezzare in modo crescente nei prossimi anni. Nel frattempo il settore fa i conti con l’eredità lasciata dalla crisi economica che ha prodotto più fasi recessive in pochi anni, con una perdita del 10% del prodotto interno lordo e di un quarto della produzione industriale. Una recessione che manifesta i suoi effetti in modo evidente nell’elevato importo di crediti deteriorati. Questi sono già stati svalutati in modo significativo dagli intermediari finanziari, così che oggi pesano nei bilanci in misura molto inferiore al valore nominale dei prestiti concessi (circa il 40% del valore originario).

 

Tutti gli interventi sul sistema bancario e alcuni dati sullo stato del credito erogato sono raccolti in modo organico in un documento pubblicato oggi dal Ministero nell’aggiornamento del Focus “Evoluzione e riforme del sistema bancario italiano”.

 

Nonostante la lunga recessione, il sistema bancario italiano è solido ed ha dimostrato una buona capacità di resilienza, ha saputo cioè resistere ai contraccolpi e adattarsi ai cambiamenti. Tuttavia il prolungamento della profonda crisi finanziaria ed economica fino al 2014 – che ha provocato una caduta del PIL di quasi il 10% e un calo di un quarto nella produzione industriale – ha incrementato l’entità dei crediti deteriorati presenti nei bilanci bancari (o NPL: Non Performing Loans) oltre i livelli medi riscontrati nella altre economie avanzate.

 

Il dato aggregato sui crediti deteriorati va tuttavia letto alla luce dei tassi di copertura con garanzie del debitore che in Italia sono molto superiori a quelli che si registrano in altri Paesi. Una rappresentazione corretta dello stato di salute delle banche italiane è fornita dalla comparazione internazionale. In questo quadro gli istituti di credito italiani sono in una posizione di vantaggio rispetto a quelli degli altri Paesi dell’Eurozona che, per esempio, risultano molto più esposti verso i paesi emergenti, i quali stanno affrontando una difficile fase economica.

 

Il confronto con le banche degli altri paesi europei evidenzia, inoltre, come queste siano molto più esposte sugli strumenti finanziari derivati, responsabili della crisi finanziaria esplosa tra il 2007 e il 2008. Le banche italiane sono meno esposte delle altre anche verso il settore immobiliare, che pure ha innescato la crisi anche in alcune economie europee. Il sistema creditizio italiano è quindi solido nel suo insieme, sebbene presenti una criticità per l’elevato livello di crediti in sofferenza concentrato in alcune banche.

 

In allegato il documento completo.

 

 

 

Fonte: MEF - Ministero dell'Economia e delle Finanze
avatar
  Subscribe  
Notificami