fbpx

Sindaco che costringe l’assessore a esprimere un voto favorevole: è Concussione?

lentepubblica.it • 21 Luglio 2017

concussioneLa Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 35901/2017, ha affermato un principio di diritto importante rispondendo a questo quesito: il sindaco che costringe l’assessore a esprimere un voto favorevole concorre in reato di concussione?


La revoca di un singolo assessore da parte del Sindaco può basarsi sulle più ampie valutazioni di opportunità politico-amministrativa rimesse in via esclusiva a quest’ultimo, ma non può trasmodare in una sorta di prerogativa arbitraria, da utilizzare all’occorrenza per “regolare i conti” con esponenti politici sgraditi, a tutto detrimento dei requisiti minimi di stabilità della giunta comunale e delle funzioni di indirizzo politico-amministrativo nei confronti dell’amministrazione locale attribuite a questo organo dall’ordinamento degli enti locali.

 

Anche la minaccia dell’uso di un potere discrezionale possa integrare il delitto di concussione, se l’esercizio sfavorevole di tale potere viene prospettato in via estemporanea  e pretestuosa, al solo fine di costringere la persona offesa alla promessa o dazione indebita. Nel reato di concussione, l’attività di induzione non è infatti vincolata a forme tassative, rilevando a tal fine ogni comportamento del pubblico ufficiale che sia comunque caratterizzato da un abuso dei poteri che valga ad esercitare una pressione psicologica sulla vittima, in forza della quale quest’ultima si convinca della necessità di dare o promettere denaro od altra utilità per evitare conseguenze dannose. (Fattispecie di presentazione e successivo momentaneo ritiro di interpellanza consiliare regionale finalizzata ad indurre un direttore generale di azienda ospedaliera a procedere a nomine dettate da criteri di appartenenza politica).

 

In allegato il testo completo della Sentenza.

 

Fonte: Corte di Cassazione
avatar
  Subscribe  
Notificami