fbpx

Sindaco di Modena, Giorgio Pighi, sul sistema immigrazione

lentepubblica.it • 5 Maggio 2014
Sul fronte dell’immigrazione, “in questo modo il sistema rischia di non reggere”. E’ quanto sostiene, in una nota, il sindaco di Modena Giorgio Pighi, delegato nazionale Anci a Sicurezza, Immigrazione e Legalità commentando l’arrivo nel Modenese di 25 nuovi migranti, ospitati a Fanano, nell’ambito dell’operazione di accoglienza nazionale ‘Mare Nostrum’ in cui, osserva, “il flusso massiccio di arrivo sta creando difficoltà al sistema Sprar”.
Con tanti profughi in arrivo, “sempre più spesso – spiega Pighi – gli enti locali sono chiamati a occuparsi di persone, neppure compiutamente identificate, che si sommano a quelle già presenti nel Sistema e per le quali non e’ possibile organizzare nessuna attività specifica. E’ comprensibile, quindi, la preoccupazione dei sindaci che si vedono assegnati d’ufficio i migranti e bisogna fare molta attenzione e intervenire, questa e’ la proposta dell’Anci inviata al Governo, organizzando una prima accoglienza dopo lo sbarco e coinvolgendo le Regioni nello smistamento sul territorio, affinché non scatti nella popolazione una sindrome da ‘invasione’, con conseguenti azioni di rigetto e rifiuto”.
A giudizio del sindaco modenese, inoltre, il governo deve interessare l’Unione europea sul problema delle identificazioni: “la convenzione di Dublino – osserva nella nota – mette in capo al Paese in cui i migranti vengono rintracciati la loro identificazione e il riconoscimento dello status. Molti di questi migranti hanno parenti o comunità del loro Paese d’origine in altri Stati europei, vogliono raggiungerli, e quindi rifiutano di farsi identificare qui in Italia.
Ma in caso di flussi anomali, la stessa convenzione – aggiunge Pighi – prevede che Commissione Ue possa  derogare alla regola dell’identificazione nel Paese in cui sono rintracciati per la prima volta. Noi chiediamo al governo di sollecitare la Commissione affinché venga presa questa decisione, perché il sistema così rischia di non reggere”.
FONTE: Anci
immigrazione-integrazione
Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami