fbpx

Slot Machine al bando: quante ne spariranno entro fine anno?

lentepubblica.it • 8 Maggio 2017

slot machinePresentato dal sottosegretario all’Economia Pierpaolo Baretta il documento del Governo: a fine 2017 le slot machine spariranno dai ristoranti, dai circoli privati e dagli esercizi commerciali ed entro tre anni dai bar e dalle tabaccherie che non otterranno una specifica certificazione.


 

Entro l’anno le slot machine spariranno dai ristoranti, dai circoli privati e dagli esercizi commerciali ed entro tre anni dai bar e dalle tabaccherie che non otterranno una specifica certificazione. Sarà possibile giocare sono in locali posti a non meno di 150 metri da scuole, edifici di culto e Sert e dotati di precise caratteristiche. Sono alcuni dei punti principali del documento presentato agli Enti locali in Conferenza Unificata dal sottosegretario all’Economia, Pierpaolo Baretta.

 

Un testo accolto con favore dai Comuni che sarà, salvo colpi di scena, siglato la prossima settimana. Ecco alcune delle novità che saranno introdotte:

 

RIDUZIONE DELLE MACCHINE E DEI PUNTI GIOCO: il Governo proporrà al Parlamento di anticipare al 31 dicembre 2017, la riduzione delle slot (le cosiddette Awp) prevista nella legge di stabilità 2016. Oggi i punti abilitati sono circa 98.600 (69mila tra bar e tabacchi e 29.600 tra sale Bingo, sale giochi, negozi e corner). “L’effetto del provvedimento di anticipazione al 2017 della riduzione di Awp comporta”, in un anno “la riduzione del numero delle macchine a 264.674”. Considerando “che al 31 dicembre 2016 gli apparecchi presenti sul mercato sono 407.323, la riduzione effettiva sarà di oltre il 35%. Ciò significa togliere definitivamente dal mercato attraverso un processo di rottamazione 142.649 macchine così suddivise: 125.000 Awp da bar e tabacchi (oggi ne sono installate 229.000) e 17.000 dai generalisti secondari.

 

CERTIFICAZIONE DEI PUNTI GIOCO: Si potrà giocare solo nei punti gioco di ‘categoria ‘ dove gli avventori dovranno essere identificati attraverso il documento di identità e della carta nazionale dei servizi. Gli addetti alle sale dovranno essere sottoposti a una formazione specifica “anche con approccio di contrasto al gioco d’azzardo patologico”, avranno “l’obbligo di segnalare i soggetti patologici ai servizi sociali del comune” e di “impedire l’ingresso alle persone soggette alla dipendenza del gioco d’azzardo patologico e inserite in programma di recupero”. Le giocate e le vincite dovranno poi essere completamente tracciabili e i locali dovranno essere dotati di apparati di video sorveglianza interna simili a quelli in dotazione ai tradizionali casinò e ci dovrà essere “un collegamento diretto con presidi di polizia e/o con l’Agenzia delle dogane e dei monopoli”.

 

DISTANZE, ORARI e CONTROLLI: Si riconoscere agli Enti Locali la facoltà di applicare la distanza per le nuove sale/esercizi, a 150 metri dai SerT, dalle scuole e dai luoghi di culto, “misurata in base al percorso pedonale più breve” e la facoltà di stabilire delle fasce orarie quotidiane di interruzione di gioco “la cui somma non potrà superare 6 ore/giorno”. Saranno inoltre inaspriti i controlli contro il gioco illegale, attribuendo competenze specifiche anche agli organi di polizia locale, prevedendo un apposito potere sanzionatorio e l’attribuzione dei relativi proventi ai comuni.

Fonte: Confcommercio
avatar
  Subscribe  
Notificami