Turismo: torna l’Osservatorio parlamentare per il rilancio del settore

lentepubblica.it • 7 Maggio 2014

Nell’ambito del convegno “L’Italia cresce con il turismo!”, il neopresidente dell’Osservatorio, Ignazio Abrignani, ha spiegato che intende organizzare almeno due iniziative all’anno, per testimoniare l’importanza del settore e far sentire il “grido di dolore degli imprenditori rispetto al silenzio che spesso li avvolge”.

Il 2013 per l’Italia chiude, dal punto di vista turistico, non in positivo, con un crollo della domanda interna dell’8,5% e una diminuzione del numero dei turisti stranieri negli ultimi 4 mesi dell’anno. Per il 2014 si e’ intravisto qualche segnale di ripresa in occasione della Pasqua, ma l’anno si prospetta ugualmente difficile, con un turismo organizzato straniero agguerrito, anche se si assiste ad un crollo della concorrenza spagnola ma un ritorno di una forte concorrenza greca. Parte da queste premesse, illustrate dal responsabile Turismo di Confcommercio, Alberto Corti, il convegno “L’Italia cresce con il turismo!” organizzato dall’Osservatorio parlamentare per il turismo, associazione di deputati e senatori, rappresentativi di tutti gli schieramenti politici, operativo nella XIV, XV e XVI legislatura, punto di riferimento “unitario e nazionale” e di raccordo tra Stato, Regioni e UE, per le politiche dell’Italia in materia di turismo. Il neopresidente ll’Osservatorio, Ignazio Abrignani, ha spiegato in apertura che intende organizzare almeno due iniziative all’anno, per testimoniare l’importanza del settore e far sentire il “grido di dolore” degli imprenditori rispetto al silenzio che spesso li avvolge. Il presidente di Assoturismo Confesercenti, Claudio Albonetti, ha sottolineato la pletora di strutture che ruotano attorno al settore: sono 13,500 tra Apt, assessorati, aziende di soggiorno, Pro loco, Gal e Aptr, “ognuna delle quali stampa opuscoli in modo scoordinato, che costano ma non producono nulla”. Oltre alla ricreazione di un “ministero del Turismo pesante”, Albonetti ha sottolineato la necessita’ che nascano appositi Dipartimenti dedicati ai vari segmenti di turismo. Il past president di Federturismo Confindustria, Costanzo Iannotti Pecci, si e’ invece soffermato sul “grande fallimento di 14 anni di esperienza del turismo in mano alle Regioni, il piu’ grande errore, in particolare nella gestione del settore. Il debito pubblico del nostro Paese – ha evidenziato – e’ esploso da quando le Regioni hanno avuto un grado di autonomia decisionale”. Bernabo’ Bocca, vice presidente dell’Osservatorio Parlamentare per il turismo, si e’ augurato che venga presto varato un decreto “Valore turismo”, “senza ricominciare da capo”, visto che gia’ era stato in parte approntato dall’ex ministro Bray, ed ha auspicato in particolare un provvedimento per favorire la riqualificazione degli oltre 34 mila hotel esistenti in Italia e l’uscita dal mercato di quelli non piu’ in grado di esserci, favorendo l’ingresso di nuove catene e nuovi soggetti. Inoltre si e’ augurato che Fs decidano “se devono fare utili o essere un servizio pubblico: nel secondo caso, come io credo debba essere, devono permettere che venga raggiunto l’80% del territorio italiano”. Infine, Maria Carmela Colaiacovo, vice presidente dell’Associazione italiana Confindustria alberghi, ha difeso il ruolo dell’Enit, “non si puo’ fare promozione esclusivamente dalla rete”, ha detto.

FONTE: Confcommercio

turismo

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami