Accertamento catastale: le somme vanno pagate con F24

lentepubblica.it • 14 Maggio 2015

catastale, catastoLe nuove “sigle” sono state istituite per consentire il versamento degli importi richiesti dall’Agenzia delle Entrate per inosservanza delle disposizioni in materia immobiliare.

 

Dal prossimo 1° giugno, come previsto dal provvedimento 23 marzo 2015 che ha esteso le modalità di versamento unitario delle imposte, dei contributi dovuti all’Inps e delle altre somme a favore dello Stato (articolo 17 del Dlgs 241/1997) ai pagamenti degli importi accertati in ambito catastale, il versamento dei tributi speciali (con relativi interessi e sanzioni), dell’imposta di bollo, degli oneri accessori e delle altre spese dovuti in seguito ad accertamento catastale potrà essere assolto tramite il modello F24.

 

A tale scopo, la risoluzione n. 50/E del 13 maggio 2015 ha istituito i seguenti codici tributo:

 

T009Tributi speciali catastali

 

T010  – Sanzioni per mancati adempimenti catastali

 

T011Interessi sui tributi speciali catastali

 

T012Imposta di bollo

 

T013Recupero spese per volture

 

T014Oneri accessori per operazioni catastali

 

T015Altre spese per operazioni catastali.
I codici devono essere esposti nella sezione “Erario” del modello F24, esclusivamente in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”. Inoltre, negli appositi campi, vanno riportati il “codice atto” e l’“anno di riferimento” indicati nell’atto dell’ufficio.

 

La risoluzione, infine, ricorda che, per le spese di notifica degli atti emessi dagli uffici, deve essere impiegato il codice tributo “806T”, già in uso.

Fonte: Fisco Oggi, Rivista Telematica dell'Agenzia delle Entrate
avatar
  Subscribe  
Notificami