fbpx

Acconto TASI: i Comuni ritardatari pagheranno a Dicembre

lentepubblica.it • 29 Settembre 2014

Dall’adempimento di ottobre restano esclusi i contribuenti dei Comuni che hanno deliberato le aliquote lo scorso maggio e coloro i cui comuni non hanno deliberato ancora le aliquote. Per loro i calcoli si complicano.

Salta al 16 Dicembre la tappa per il pagamento della Tasi nei Comuni che non sono riusciti a rispettare la scadenza del 10 settembre per inviare le delibere al dipartimento delle Finanze. In questa condizione si trovano circa 300 Comuni; chi possiede un immobile in questi Municipi dovrà effettuare l’unico versamento entro il 16 dicembre applicando agli immobili adibiti ad abitazione principale la aliquota base dell’1 per mille. Per gli altri fabbricati scatta ugualmente 1 per mille solo se l’aliquota Imu non supera il 9,6 per mille, quindi la Tasi non andrà pagata se la corrispondente aliquota lmu è già al massimo (10,6 per mille).
Sotto tale soglia si dovrà invece effettuare il calcolo del tributo considerando il margine disponibile: ad esempio, se l’aliquota Imu è al 10,4 per mille, si pagherà la Tasi per gli altri fabbricati sul residuo 0,2 per mille. I contribuenti dovranno pertanto fare i dovuti conteggi, che si complicano ulteriormente nel caso di ripartizione della quota tra possessore e occupante, quest’ultima pari al 10% dell’importo complessivo, misura convenzionale applicabile in mancanza della delibera comunale.

Saltano la data del 16 Ottobre anche anche i contribuenti che hanno pagato l’acconto a giugno in quei comuni che avevano deliberato le aliquote entro la fine di Maggio. Per loro l’appuntamento del saldo Tasi sarà da completare entro il 16 dicembre 2014.

 

FONTE: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it)

AUTORE: Bernardo Diaz

 

proroga tasi

 

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami