fbpx

Bocciata la Robin Tax: per le casse dello Stato buco da circa 1 miliardo di euro l’anno

lentepubblica.it • 12 Febbraio 2015

Accolta la questione di legittimità costituzionale sull’addizionale Ires per le imprese dell’energia sollevata nel 2011 dalla Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia. Per le casse dello Stato si potrebbe aprire un buco da circa 1 miliardo di euro l’anno.

Va in fumo la “Robin tax”. E per le casse dello Stato si potrebbe aprire un buco da circa 1 miliardo di euro l’anno. La conferma è arrivata oggi quando la Corte Costituzionale ha depositato la sentenza pronunciata il 3 gennaio scorso in udienza pubblica. La Consulta ha precisato che l’illegittimita’ costituzionale decorre dal giorno successivo alla pubblicazione della sentenza nella Gazzetta Ufficiale. La cosiddetta Robin Tax e’ l’addizionale Ires (ossia l’Imposta sul reddito delle societa’) che tocca le aziende petrolifere ed energetiche, istituita con l’articolo 81 del decreto legge 112 del 2008 meglio nota come legge dei cento giorni.

A sollevare questione di legittimita’ su questa norma era stata la Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia a seguito del ricorso proposto da una rete di punti vendita di carburanti, Scat Punti vendita spa, contro l’Agenzia Entrate di Reggio Emilia.

“La Robin Tax ha previsto una maggiorazione d’aliquota di una imposizione, qual e’ l’Ires, che colpisce l’intero reddito dell’impresa e non i soli “sovra-profitti”, perche’ manca un meccanismo che consenta di tassare separatamente e piu’ severamente solo l’eventuale parte di reddito suppletivo connessa alla posizione privilegiata dell’attivita’ esercitata dal contribuente al permanere di una data congiuntura”. E’ questo uno dei principali motivi per cui la Consulta ha dichiarato incostituzionale l’imposta.

La Robin Tax fu introdotta nel nostro ordinamento con il Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito con la Legge 6 agosto 2008, n. 133. L’art. 56, comma 3 della legge n. 99 del 9 luglio 2009 (cd. Legge Sviluppo 2009) ha disposto un aumento dell’aliquota Ires addizionale di un ulteriore 1% (dal 5,5% al 6,5%). Con il decreto legge 138/2011 la platea dei soggetti interessati ha subito un nuovo ampliamento, con l’inclusione delle società operanti nel settore delle energie rinnovabili.

 

 

 

FONTE: Confcommercio

 

 

 

AUMENTO DEL COSTO DI LUCE E GAS   (BOLLETTA CAROVITA COSTO LUCE GAS  BOLLETTE )

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami