Bollette, Codici: abolizione oneri di sistema per rilanciare economia delle famiglie

lentepubblica.it • 19 Giugno 2020

bollette-abolizione-oneri-di-sistemaCodici: chiediamo sulle bollette l’abolizione degli oneri di sistema per rilanciare l’economia delle famiglie.


La razionalizzazione, la trasparenza e la struttura di costo del mercato elettrico e gli effetti in bolletta in capo agli utenti è il tema al centro dell’audizione convocata per giovedì prossimo presso la 10 ͣ Commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato. Ci sarà anche l’associazione Codici, che illustrerà le sue osservazioni.

Bollette: per Codici serve abolizione oneri di sistema

La situazione contingente – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codicinon ha fatto altro che palesare con maggior forza le storture del mercato elettrico, che pone oneri rilevantissimi in capo ai consumatori. In un’ottica fattiva e propositiva, crediamo che sia il momento di intervenire con decisione per dare al mercato elettrico una struttura più equa per le famiglie ed anche per le imprese”.

Da qui la proposta di una riforma organica degli oneri generali di sistema e una riflessione sulla liberalizzazione del mercato tutelato, che sarà illustrata per l’associazione Codici da Antonella Votta e Massimiliano Scalisi.

La bolletta italiana è una delle più salate

La bolletta energetica dei consumatori italiani – sottolineano i due esperti del settore Energia – è attualmente tra le più salate d’Europa. Ciò è dovuto oltre all’elevato costo della materia energia, degli oneri di trasporto e gestione del contatore e delle imposte, soprattutto alle spese definite in fattura come oneri generali di sistema.

Nel 2018 questi oneri hanno pesato per circa 600 euro l’anno su ogni famiglia italiana. Si calcola che tra il 2010 ed il 2017 il pagamento degli oneri abbia contribuito al finanziamento di 2.5 miliardi per le ferrovie (agevolazioni di tariffe), 2.7 miliardi per lo smantellamento dei siti nucleari, ma solo 400 milioni per il bonus famiglie a basso reddito.

È necessario diminuire il peso degli oneri generali di sistema dalla bolletta elettrica, attuando una riforma che ponga al centro sia lo sviluppo sostenibile, con sostegno alle energie rinnovabili, sia un serio contrasto alla povertà, introducendo, per i clienti con minori consumi, incrementi di spesa minori in relazione all’applicazione della tariffa legata agli oneri generali di sistema.

Ciò che non è direttamente connesso a obiettivi di sviluppo ambientalmente sostenibile oppure di contrasto alla povertà deve essere esautorato dalla spesa riferita agli oneri generali di sistema. Un altro tema da affrontare – proseguono Antonella Votta e Massimiliano Scalisi – è quello della liberalizzazione del mercato tutelato.”

La liberalizzazione del mercato tutelato

Il processo di liberalizzazione del servizio di fornitura per gli utenti privati, del gas metano prima e dell’energia poi, in linea generale ha prodotto una serie di vantaggi, ma la questione se ciò si sia anche tradotto in concreti benefici a favore dei consumatori è ancora aperta. La sussistenza degli oneri generali di sistema di fatto ha livellato le fatturazioni, rendendo risibile ogni sforzo di comparazione del consumatore fra le varie offerte proposte.

Le continue proroghe relative alla fine del mercato tutelato con il passaggio al mercato libero ha generato confusione nei consumatori. Come appuriamo tutti i giorni attraverso gli sportelli territoriali dell’associazione, i fornitori di energia usano inoltre queste nuove scadenze per proporre nuove attivazioni, spesso anche in modo non troppo cristallino. Il problema principale, a nostro avviso, rimane però quello della mancata consapevolezza dei consumatori.

È necessario stilare una road map che preveda obiettivi formativi sul funzionamento del mercato dell’energia, sulle componenti della bolletta elettrica, sulle abitudini di consumo e sulla sostenibilità ambientale, ma, soprattutto, che permetta al consumatore scelte consapevoli ben prima della data prevista per la fine del mercato tutelato.”

Conclusioni

C’è ancora tanto da fare – concludono i due rappresentanti dell’associazione Codici – ad esempio riteniamo necessario introdurre un sistema di controllo sugli obblighi inderogabili in capo ai distributori e agli operatori di libero mercato sui preavvisi di distacco, l’abbassamento di tensione e la sospensione dell’erogazione per morosità, con particolare attenzione ai soggetti destinatari di bonus energia, che rappresentano le fasce più deboli della popolazione.

Abbiamo, infine, una grande sfide di fronte, la spinta all’autoconsumo, principio in linea con il Green Deal sostenuto dalla Commissione Ue. Questa è la strada giusta per arrivare ad una vera e propria rivoluzione del mercato, l’energia a km zero”.

 

5 5 votes
Article Rating
Fonte: Codici
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
emilio cioni
emilio cioni
20 Giugno 2020 8:42

Sarebbe opportuno eliminare tutto ciò che non ha a che vedere con il vero consumo di energia. Oneri che sono tasse. Se uno ha un consumo zero, ha sempre una bolletta importante del 40% circa.

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x