fbpx

Bonifici estero. Ritenuta 20%: l’Ue vuole vederci chiaro

lentepubblica.it • 19 Febbraio 2014

Il governo Letta ha lasciato agli italiani un ulteriore e controverso balzello in regalo. Dal primo febbraio, tutti i bonifici provenienti dall’estero subiranno una trattenuta del 20%. Alla base di questa decisione, vi è la presunzione che qualunque flusso di denaro che giunga da un altro Paese rappresenti il frutto di un reddito imponibile proveniente da capitali o da attività finanziarie.

La misura riguarda le società semplici, gli enti non commerciali e le persone fisiche. Non riguarda, invece, i bonifici effettuati nell’ambito della propria attività di impresa. Banche e intermediari finanziari hanno lamentato il fatto di esser stati tenuti pressoché all’oscuro della norma, mentre i consumatori sono sul piede di guerra. Il cittadino non subisce la detrazione se dimostra che il bonifico consiste in altro: nel risarcimento di un prestito, in una donazione o in una partita di giro.

L’onere della prova, però, come nel caso degli accertamenti fiscali, resta in carico a lui. Ebbene,l’Europa, in tutto ciò, vuole vederci chiaro. “Siamo a conoscenze della nuova misura. E il commissario la sta esaminando per assicurarsi che sia in linea con i principi di base della non discriminazione del libero movimento delle merci e dei capitali”, ha dichiarato Emer Traynor, portavoce del commissario Ue Algirdas Semeta, responsabile per il Fisco. Secondo Bruxelles, il provvedimento, nella sua applicazione concreta potrebbe determinare una disparità di trattamento tra i cittadini europei.

FONTE: CGIA Mestre

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami