Bonus facciate 2021: ecco tutti i dettagli dell’agevolazione

lentepubblica.it • 9 Novembre 2021

bonus facciate 2021Il bonus facciate 2021 si presenta come agevolazione fiscale “per rendere più belle le città”. Vediamo di cosa si tratta nello specifico.


Bonus facciate 2021: si tratta di una detrazione fiscale, prorogata dalla Legge di Bilancio 2021. L’Agenzia delle Entrate lo presenta come “il nuovo sconto fiscale per abbellire gli edifici delle nostre città”. Dopo il successo dell’anno scorso, il bonus è stato rinnovato anche quest’anno.

Vediamo di cosa si tratta, come e chi può richiederlo.

Bonus facciate 2021: cos’è

Il Bonus facciate è un’agevolazione fiscale, presente nella Legge di Bilancio 2021, che ha l’intento di riqualificare il patrimonio edilizio presente.
L’agevolazione prevede il 90% di detrazione fiscale per interventi di recupero o restauro della facciata esterna di edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale, compresi quelli strumentali.

Gli immobili, però, devono essere situati in zone specifiche:

  • Zona A: comprende le parti del territorio interessate da agglomerati urbani, che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da parti di essi, comprese le zone circostanti;
  • Zona B: include le parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, ovvero zone in cui la superficie degli edifici esistenti non sia inferiore al 12,5% (un ottavo) della superficie fondiaria della zona e nelle zone nelle quali la densità territoriale sia superiore a 1,5 mc/mq.

Sono escluse altre zone che non siano A e B.

Bonus facciate 2021: quali sono i lavori compresi nell’agevolazione

bonus facciate 2021La detrazione del 90% è valida sugli interventi di rinnovamento e consolidamento della facciata esterna degli edifici, compresi quelli di pulitura e tinteggiatura.

Nella detrazione, sono compresi questi interventi:

  • Pulitura e tinteggiatura esterna sulle strutture opache della facciata;
  • Lavori su balconi, ornamenti e fregi (inclusi pulitura e tinteggiatura);
  • Lavori sulle strutture opache della facciata, influenti dal punto di vista termico o che interessino oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda, complessiva dell’edificio.

L’importante è che si tratti di lavori sulle facciate esterne e visibili degli immobili. Non sono compresi nella detrazione gli interventi sulle facciate interne dell’edificio, nel caso non siano visibili dalla strada o da un suolo ad uso pubblico.

Il bonus viene applicato anche per le spese per la progettazione degli interventi, altre prestazioni professionali collegate e per le spese relative all’acquisto di materiali.

Bonus facciate 2021: quali sono i requisiti da rispettare

Per poter godere del Bonus facciate, è necessario rispettare alcuni requisiti.

Se parliamo di lavori di rifacimento della facciata, influenti anche dal punto di vista termico (ovvero che coprano oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda dell’edificio), i requisiti da rispettare sono i seguenti:

  • I “requisiti minimi” previsti dal decreto del Ministro dello Sviluppo economico del 26 giugno 2015;
  • I valori limite di trasmittanza termica, stabiliti dal decreto del Ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, aggiornato dal decreto ministeriale del 26 gennaio 2010.

Per poter richiedere il Bonus facciate, sarà necessario inviare una comunicazione ENEA, entro 90 giorni dal termine dei lavori, con una scheda descrittiva dei lavori, che contenga i seguenti dati:

  • Dati identificativi dell’edificio e di chi ha sostenuto le spese;
  • Tipologia di intervento effettuato;
  • Risparmio annuo di energia che ne è conseguito;
  • Costo dell’intervento;
  • Importo utilizzato per il calcolo della detrazione.

Per poterne usufruire, inoltre, i pagamenti dovranno essere effettuati tramite bonifico parlante, con il codice fiscale del beneficiario, il numero di partita IVA o il codice della ditta che si è occupata dei lavori, nella causale del versamento.

Per accedere al bonus, bisognerà indicare i dati catastali identificati dell’immobile, se i lavoratori sono stati fatti dal detentore, gli estremi di registrazione dell’atto. Bisognerà anche comunicare preventivamente la data di inizio dei lavori all’ASL (mediante raccomandata) e bisognerà conservare i seguenti documenti:

  • Fatture di spesa;
  • Ricevute del bonifico di pagamento;
  • Abilitazioni amministrative richieste, in base alla tipologia di intervento fatto;
  • Copia di domanda di accatastamento degli immobili non ancora censiti;
  • Ricevute di pagamento dei tributi locali;
  • Dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori (nel caso i richiedenti siano affittuari);
  • Copia della delibera assembleare dell’esecuzione per i lavori e la relativa ripartizione delle spese.

Bonus facciate 2021: chi ne può usufruire

Possono richiedere il bonus tutti i contribuenti, residenti e non residenti, anche se titolari di una partita IVA, che sostengono le spese per l’esecuzione dei lavori e che possiedono l’immobile, a qualsiasi titolo.

Ecco più nello specifico:

  • Persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni;
  • Enti pubblici e privati, che non svolgono attività commerciale;
  • Società semplici;
  • Associazioni tra professionisti;
  • Contribuenti che conseguono reddito d’impresa.

Sono esclusi dall’agevolazione i contribuenti che possiedono solamente redditi assoggettati a tassazione separata o imposta sostitutiva (come la partita IVA forfettaria). Tuttavia, questi soggetti potranno richiedere il bonus, se titolari di redditi assoggettati ad Irpef o Ires.

Il bonus può essere usufruito, non solo dal proprietario dell’immobile, ma anche dall’affittuario o dal comodatario.

2.5 2 votes
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Franco
11 Novembre 2021 8:33

Sarebbe il caso di chiarire che chi vuole usufruire del bonus facciate deve fare i lavori rispettando dei costi che lo Stato ritiene congrui. è vero che non c’è limite di spesa ma lo stato farà verifiche di congruità e lo farà col in prezzari o con i prezzi di mercato vigenti al momento dei lavori. Il bonus facciate fino a adesso, ha significato un aumento fuori misura dei costi, e lo stato in sede di controlli potrà negare l’accesso a questo bonus, costringendo i condomini a pagare di tasca loro i costi gonfiati dei computi metrici.