fbpx

Boom dell’azzardo: in 20 anni spesa da 7 a 90 miliardi

lentepubblica.it • 19 Febbraio 2014

Sono i dati della Consulta Nazionale Antiusura che sono stati presentati insieme all’allarme della Procura Antimafia che sottolinea come «lo Stato spenda più di quattro volte di quello che incassa»

Tra il 1994 e il 2013 il consumo di gioco d’azzardo per gli italiani ha segnato numeri record: da 7 miliardi (ai prezzi attuali) a oltre 90 miliardi come proiezione per l’anno in corso ovvero il 10% delle risorse che le famiglie italiane destinano ad acquisto di beni primari e secondari.

Questi alcuni dei risultati contenuti nella ricerca “Le dimensioni del gioco legale e illegale nelle province italiane e l’usura collegata” a cura della Consulta Nazionale Antiusura  e dalla Fondazione “San Nicola e Santi Medici” di Bari  che gestisce un Fondo di Solidarietà Antiusura.

Alla presenza di centinaia di studenti delle scuole medie baresi in una sala della Camera di Commercio di Bari il nesso tra gioco d’azzardo e il fenomeno dell’usura è stato illustrato nel corso di un convegno da don Alberto D’Urso, presidente della Fondazione, «l’usura – ha detto – ha tante cause, tra le principali e ricorrenti c’è l’azzardo che ha registrato una crescita galoppante: la raccolta del comparto giochi è aumentata del 220% , con rischi di dipendenze comportamentali per le persone vulnerabili e gravi problematiche sociali e finanziarie come sovra indebitamento, riciclaggio di denaro sporco, usura e fenomeni concatenati alla droga».

Nel corso dell’iniziativa si è fatto riferimento anche ai dati dell’attività svolta dalla Fondazione Antiusura con oltre 30mila famiglie ascoltate in 20 anni, 28 Fondazioni create nelle Diocesi italiane e con oltre 15mila famiglie direttamente assistite con le risorse del Fondo Antiusura.

È stato inoltre reso noto un messaggio inviato dal cardinale Angelo Bagnasco, cui si parla di «impressionanti introiti del gioco d’azzardo che, oltre ad arricchire alcuni, vanno a confluire nel denaro pubblico, si trasformano ben presto in un onere pesantissimo per curare dipendenze nuove che non possono essere sottovalutate da nessuno, tanto meno dai responsabili della cosa pubblica.

Scuotere le coscienze informandole sulla realtà è il primo passo per formarle nella verità». La nota poi si conclude con un richiamo «ai responsabili della politica affinché il problema sia affrontato non al ribasso ma con decisioni tempestive ed efficaci».

I dati della Procura Antimafia

Contestualmente è arrivata anche una denuncia clamorosa da parte della Procura Antimafia. Sette sono i miliardi incassati con le tasse, molto basse, su tutti i giochi. Trenta miliardi sono i costi sociali degli stessi giochi, dalle spese sanitarie per i giocatori patologici ai debiti delle famiglie, dai guadagni delle mafie alle spese delle amministrazioni per contrastarle, fino all’evasione fiscale. Sette miliardi contro trenta. Davvero un grande affare! Lo Stato spende più di quattro volte di quello che incassa.

Il bilancio negativo per altro potrebbe peggiorare. Come ricorda il sociologo Maurizio Fiasco, «la tassazione delle nuove scommesse su eventi sportivi virtuali sarà dello 0,2%, un terzo di quella già bassissima sulle scommesse online che è dello 0,6%». Mentre per giocare «gli italiani sprecano 488 milioni di ore all’anno, quasi 70 milioni di giornate lavorative gettate via».

FONTE: www.vita.it

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami