fbpx

Comuni: ripartizione contributo per unità immobiliari possedute da cittadini iscritti all’AIRE

lentepubblica.it • 12 Luglio 2017

casa AIRERipartito   il   contributo compensativo a favore dei comuni per i  minori  introiti  di  imposte comunali sulle unità immobiliari possedute  dai  cittadini  italiani non residenti nel territorio dello Stato, iscritti all’anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE).


Si comunica che con decreto del direttore centrale della  Finanza locale  del  19  giugno  2017  e’  stato  ripartito   il   contributo compensativo a favore dei comuni per i  minori  introiti  di  imposte comunali sulle unità immobiliari possedute  dai  cittadini  italiani non residenti nel territorio dello Stato, iscritti all’anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE) e gia’ pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, come previsto dall’art. 9-bis  del  decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47, convertito con  modificazioni  dalla  legge  23 maggio 2014, n. 80.

 

Pubblichiamo il testo integrale del decreto, unitamente al relativo allegato, e, per una ulteriore documentazione sull’argomento, testo del documento presentato dall’ANCI in occasione dell’audizione presso la Commissione Affari esteri e comunitari della camera dei deputati tenutasi il 3 marzo 2016.

 

In attuazione dell’art. 9-bis, comma 1, del decreto legge 28 marzo 2014, n. 47, aggiunto dalla legge di conversione 23 maggio 2014, n. 80, ai comuni delle regioni a statuto ordinario, della Regione siciliana e della regione Sardegna ed alle regioni a statuto speciale Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta, cui la legge conferisce competenza in materia di finanza locale, è attributo, a decorrere dall’anno 2015 un contributo, pari a complessivi 6 milioni di euro annui.

 

Il contributo è attribuito, secondo gli importi indicati nell’Allegato A al presente decreto, a ristoro degli effetti diretti ed indiretti dei minori gettiti di IMU, TARI e TASI sulle unità immobiliari ubicate nei relativi ambiti territoriali e possedute a titolo di proprietà o di usufrutto dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi paesi di residenza.

 

Viene fatta, in ogni caso, espressa riserva di variazione, sia degli importi corrisposti in base al presente decreto, che degli enti beneficiari del contributo indicati nell’Allegato A, in relazione ad eventuali determinazioni di modifica rese note dal Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze.

 

 

 

Fonte: IFEL - Fondazione ANCI
avatar
  Subscribe  
Notificami