fbpx

Comuni del Nord-Est, crollati gli investimenti: – 33,8%

lentepubblica.it • 19 Maggio 2014

Un vero e proprio tracollo: tra il 2007 e il 2012 (ultimo dato disponibile) la spesa in conto capitale dei Comuni del Nord-Est, che contiene le uscite per gli investimenti, è diminuita del 33,8% (-1 miliardo di euro). Se nel Veneto la contrazione ha toccato il 43,6% (- 566 milioni), in Friuli Venezia Giulia la riduzione è stata addirittura superiore, pari al 44% (- 272 milioni di euro). Per i Comuni delle due Province autonome di Trento e di Bolzano la dinamica è stata meno negativa: nel primo caso la riduzione è stata del 19,1% ( -109 milioni di euro), nel secondo caso del 13% (- 68 milioni).

I dati sono stati elaborati dall’Ufficio studi della CGIA.

“La ragione di questa caduta così rovinosa – dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA – è in parte dovuta agli effetti della crisi economica, che ha colpito anche gli enti locali, e soprattutto ai vincoli imposti dal Patto di stabilità interno. Tutto ciò ha dato luogo a delle ripercussioni economico/sociali molto preoccupanti. Innanzitutto, i Comuni non costruiscono più scuole, palestre, asili nido, etc. Non solo, ma anche le ristrutturazioni e le attività di manutenzione degli immobilidi loro proprietà hanno subìto una brusca frenata. Il depauperamento dell’offerta e della qualità delle infrastrutture sociali danneggia sia i cittadini sia le piccole imprese che, nella stragrande maggioranza dei casi, sono le attività chiamate a eseguire queste opere pubbliche”.

Gli effetti negativi del Patto di Stabilità sugli investimenti sono stati denunciati anche dalla Corte dei Conti nell’ultima Relazione sulla gestione finanziaria degli enti locali (agosto 2013): “Le Amministrazioni locali sono i principali protagonisti dello sviluppo infrastrutturale del Paese realizzando la maggior parte degli investimenti pubblici complessivi, sviluppo che per effetto dei rigorosi meccanismi di controllo dei conti, è rimasto sostanzialmente fermo. Sul conto capitale dei bilanci degli Enti territoriali si scaricano i maggiori effetti delle tensioni sugli andamenti finanziari e ciò sia per i vincoli del Patto di Stabilità, i cui obiettivi vengono raggiunti con maggior peso su questa parte della gestione, sia per effetto delle sempre più rigorose restrizioni sui limiti dell’indebitamento”.

Ritornando ai dati, di segno opposto, invece, è stato l’andamento della spesa corrente. Sempre tra il 2007 e il 2012, la crescita è stata del 7,2%. Se a Trento e in Veneto l’aumento si è rivelato contenuto, rispettivamente + 3,9% e +4,7%, in Friuli Venezia Giulia (+10,8%) e nella provincia autonoma di Bolzano (+18,4%) la dinamica delle spese correnti ha manifestato una evidente accelerazione.

La spesa pubblica totale dei Comuni del Nordest (spesa corrente + spesa in conto capitale), ha subìto una riduzione del 4,2%. In Veneto la flessione si è attestata al -4,9%, in Friuli Venezia Giulia è stata del -6,1%, mentre nella provincia autonoma di Trento è stata ancor più accentuata (-7%). Solo a Bolzano si è registrato un risultato di segno opposto, pari a +5%.

FONTE: CGIA Mestre

investimenti bussola

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami