fbpx

Comuni: estesi i criteri di rateizzazione per il diritto di rivalsa dello Stato

lentepubblica.it • 21 Ottobre 2016

diritto rivalsaL’estensione dell’accordo sui criteri di rateizzazione per il diritto di rivalsa dello Stato, nei confronti dei Comuni condannati con sentenza esecutiva dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo, anche a quelli nei cui confronti l’azione di rivalsa dello Stato fosse già stata esercitata. E’ su questo punto che l’Anci ha dato il proprio via libera durante la seduta della Conferenza Stato – Città svoltasi questa mattina al Viminale, dove la delegazione associativa era composta dal presidente Antonio Decaro, dal presidente del Consiglio nazionale Anci, Enzo Bianco, e dai due vicepresidenti Umberto Di Primio e Roberto Pella. Si tratta di una proposta dell’Anci che aveva trovato primo recepimento a giugno ed ora viene migliorata.

 

Il via libera odierno è arrivato anche a seguito al disco verde da parte dell’Avvocatura dello Stato per ampliare la portata dell’accordo già siglato lo scorso 22 giugno. Tale intesa sancisce modalità di recupero applicabili a tutte le azioni di rivalsa esercitate dallo Stato nel caso di sentenze di condanna dell’Italia in sede comunitaria che coinvolgano enti locali E consente di prevenire un contenzioso potenzialmente elevato a causa dell’impatto finanziario del recupero di tali somme. Un risultato importante che allevia molti Comuni. Rimane l’obiettivo di rafforzare l’azione dei Comuni contro azioni di rivalsa spesso ingiuste.

 

L’accordo, ratificato e già precedentemente sottoscritto costituisce così uno strumento importante, poiché sancisce modalità di recupero applicabili a tutte le azioni di rivalsa esercitate dallo Stato nel caso di sentenze di condanna, nello specifico collegate in massima parte a vizi dei procedimenti di esproprio per pubblica utilità. L’accordo consente di prevenire un contenzioso potenzialmente elevato a causa dell’impatto finanziario dovuto dal recupero delle somme.

 

Tra i punti qualificanti dell’intesa è utile ricordare

 

–        la condizione di maggior favore attribuita agli enti in dissesto o predissesto, ai quali viene applicata la regola della seconda classe successiva di maggior rateizzazione;

 

–        l’applicazione anche nei casi di coobbligazione con altri enti, previa determinazione della quota a ciascuno di essi spettante;

 

–        l’applicazione dello schema al complesso delle sanzioni derivanti da più sentenze di condanna;

 

–        la facoltà dell’ente di restituire in unica soluzione gli importi dovuti.

 

In sede tecnica è stata condivisa l’ipotesi, formulata dall’ANCI, di introdurre un criterio di rateizzazione basato sul rapporto tra gli importi da restituire a titolo di sanzione e l’ammontare medio delle entrate correnti desumibili dagli ultimi consuntivi disponibili, come rappresentato nella tabella seguente.

 

Ricordiamo che la disciplina del diritto di rivalsa dello Stato italiano nei confronti di Regioni, province autonome, enti territoriali o altri enti pubblici responsabili di violazioni del diritto dell’Unione europea, è contenuta nell’articolo 43 della Legge n. 234 del 2012.

 

 

 

 

% sulle entrate correnti (media 2012-2014)
Piano di rientro
Fino allo 0,2%
Entro un anno solare dalla notifica del provvedimento
Dallo 0,2% allo 0,6%
Entro due anni dalla notifica del provvedimento
Dallo 0,6% all’1,2%
Entro tre anni dalla notifica del provvedimento
Dall’1,2% al 2,0%
Entro quattro anni dalla notifica del provvedimento
Dal 2,0% al 5,0%
Entro cinque anni dalla notifica del provvedimento
Dal 5,0% al 10,0%
Entro otto anni dalla notifica del provvedimento
Oltre il 10,0%
Entro dieci anni dalla notifica del provvedimento
Fonte: ASFEL - Associazione Servizi Finanziari Enti Locali
avatar
  Subscribe  
Notificami