PA: termini di scadenza per la comunicazione dei beni immobili

lentepubblica.it • 27 Maggio 2015

padigitaleAperta rilevazione dei beni immobili delle PA riferiti all’anno 2014: quest’anno il termine previsto dalla norma per la comunicazione è il 31 luglio 2015. Le Amministrazioni inadempienti alla prevista disposizione sopra citata saranno segnalate alla Corte dei Conti.

 

Il progetto Patrimonio della PA prevede attualmente l’obbligo di comunicazione annuale al Dipartimento del Tesoro, da parte delle Amministrazioni pubbliche, dei dati relativi ai beni immobili (fabbricati e terreni), alle partecipazioni e ai beni dati in concessione.

 

Le Amministrazioni Pubbliche tenute alla comunicazione sono state individuate dall’articolo 1, comma 2 del D.Lgs. n.165/2001 e quelle inserite nell’elenco delle unità istituzionali (Settore S.13), i cui conti concorrono alla costruzione del Conto economico consolidato delle Amministrazioni Pubbliche, individuate annualmente dall’ISTAT ai sensi dell’art. 1, comma 3 della Legge 31 dicembre 2009, n. 196.

 

II termine previsto, come già riportato, ai sensi della normativa è il 31 luglio di ogni anno. Tuttavia, le date di apertura e chiusura di ognuna delle tre rilevazioni (beni immobili, partecipazioni, concessioni) sono stabilite annualmente in funzione di fattori tecnico-operativi legati alle attività di adeguamento degli applicativi, nonché dall’andamento delle risposte delle Amministrazioni registrato nel corso della comunicazione dei dati.

 

La comunicazione deve essere effettuata ogni anno, anche in caso negativo, esclusivamente per via telematica tramite gli applicativi “Immobili”, “Partecipazioni” e “Concessioni” dedicati al Progetto Patrimonio della PA del portale predisposto dal Dipartimento del Tesoro e accessibile al link: https://portaletesoro.mef.gov.it.

 

In particolare, in ogni applicativo, i dati possono essere comunicati attraverso due modalità:

 

  • inserimento singolo, compilando tramite interfaccia grafica la relativa scheda di rilevazione;

 

  • inserimento massivo dei dati, tramite il caricamento a sistema di file.

 

Il responsabile individuato dall’Ente per la comunicazione dei dati (per una o più delle tre componenti oggetto di rilevazione) deve comunque attivare la propria utenza per il relativo applicativo (Immobili e/o Partecipazioni e/o Concessioni) del Portale https://portaletesoro.mef.gov.it ed effettuare dichiarazione negativa accedendo al relativo applicativo, cliccando su inserimento dati – inserimento beni immobili detenuti (inserimento singolo), selezionando l’opzione “No” e confermando la scelta.

 

Per accedere agli applicativi del Progetto Patrimonio della PA occorre registrarsi accedendo alla home page del Portale, raggiungibile all’indirizzo https://portaletesoro.mef.gov.it, cliccando su “Nuova registrazione”, che si trova nel menù a sinistra, e seguendo la procedura guidata. La registrazione si compone di quattro fasi successive: scelta dell’Ente di appartenenza, validazione e/o inserimento dell’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC), scelta delle applicazioni di interesse e del relativo Responsabile del Procedimento della comunicazione dei dati, inserimento dei propri dati. Per ulteriori informazioni sulla procedura di registrazione è possibile consultare le FAQ e il manuale utente disponibili nella sezione “Supporto all’utente” della homepage del Portale https://portaletesoro.mef.gov.it oppure il manuale d’istruzioni presente all’interno di ciascun modulo.

Fonte: Dipartimento del Tesoro - Ministero dell'Economia e delle Finanze
avatar
  Subscribe  
Notificami