Contributi ai Comuni delle aree interne: fondamentale procedere con il corretto monitoraggio

lentepubblica.it • 11 Maggio 2021

contributi-ai-comuniVediamo come funziona la legge riguardo i contributi ai Comuni delle aree interne e come sia importante il loro monitoraggio.


Il DPCM 24 settembre 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 302 del 4 dicembre 2020, ha definito la ripartizione, i termini, le modalità di accesso, monitoraggio e rendicontazione dei contributi destinati ai comuni delle aree interne, a valere sul Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali per il triennio 2020/2022.

I Comuni beneficiari

Per l’identificazione dei Comuni beneficiari il Dipartimento della Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha utilizzato il criterio della perifericità e della minore dimensione demografica. Tale classificazione è stata effettuata nel corso del 2014 e promossa all’interno della Strategia nazionale per le Aree interne.

Ne risulta che sono stati considerati beneficiari del contributo 3.101 enti, tra comuni periferici e ultra-periferici delle aree interne con meno di 5000 abitanti e intermedi fino a 3000 abitanti, per uno stanziamento totale pari a 210 milioni di euro.

Utilizzo del contributo

I comuni possono utilizzare il contributo per finanziare azioni di sostegno economico in favore di piccole e microimprese, anche al fine di ovviare alle difficoltà economiche derivanti dall’epidemia da COVID-19.
Le attività, per accedere ai contributi erogabili dall’ente, devono possedere i seguenti requisiti:

  • a. svolgere attività economiche attraverso un’unità operativa ubicata nei territori dei comuni, ovvero intraprendere nuove attività economiche nei suddetti territori comunali;
  • b. essere regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese;
  • c. non essere in stato di liquidazione o fallimento e non essere soggette a procedure di fallimento o concordato preventivo.

Le azioni di sostegno economico possono ricomprendere:

  • a. erogazione di contributi a fondo perduto per spese di gestione;
  • b. iniziative che agevolino la ristrutturazione, l’ammodernamento, l’ampliamento per innovazione di prodotto e di processo di attività artigianali e commerciali, incluse le innovazioni tecnologiche indotte dalla digitalizzazione dei processi di marketing on-line e di vendita a distanza, attraverso l’attribuzione alle imprese di contributi in conto capitale ovvero l’erogazione di contributi a fondo perduto per l’acquisto di macchinari, impianti, arredi e attrezzature varie, per investimenti immateriali, per opere murarie e impiantistiche necessarie per l’installazione e il collegamento dei macchinari e dei nuovi impianti produttivi acquisiti.

La registrazione dei contributi sul Registro Nazionale degli Aiuti di Stato

Come previsto dalla normativa di riferimento per ogni singola impresa beneficiaria, precedentemente all’erogazione del contributo, deve essere attivato un CUP.

I CUP, oltre alla misura di aiuto e al bando attuativo, devono essere obbligatoriamente registrati sul portale dedicato del Registro Nazionale degli Aiuti di Stato (RNA).

Il Registro è progettato per consentire alle amministrazioni pubbliche titolari di misure di aiuto in favore delle imprese di effettuare i controlli amministrativi nella fase di concessione attraverso il rilascio di specifiche “visure” che recano l’elencazione dei benefici di cui il destinatario dell’aiuto abbia già goduto negli ultimi esercizi in qualunque settore.

Il monitoraggio sul SiMon WEB

Il DPCM 24 settembre 2020 definisce anche le modalità di monitoraggio dei contributi, che deve essere obbligatoriamente effettuato attraverso il portale SiMon WEB.

A tale proposito ogni comune potrà richiedere l’accreditamento per il Programma Operativo “AREE INTERNE” successivamente alla ricezione della comunicazione, inviata automaticamente dal Sistema di Monitoraggio ai comuni aventi diritto, contenente il file .xls per la richiesta di accreditamento.

Revoca dei contributi

Il contributo potrà essere revocato, integralmente o parzialmente, nel caso di mancato o parziale utilizzo, verificato attraverso il monitoraggio di cui al precedente paragrafo, entro sei mesi dalla conclusione dell’annualità di riferimento.

Pubblicità dei contributi assegnati

I comuni assegnatari sono tenuti a rendere nota la fonte di finanziamento, l’importo e la finalizzazione del contributo nel proprio sito internet, nella sezione “Amministrazione trasparente”.

Pabli srl si offre di supportare i comuni interessati nel caricamento dei contributi sul RNA e nel loro monitoraggio sul SiMon WEB. Per maggiori informazioni sul servizio o per richiedere un preventivo compila il form.

5 5 votes
Article Rating
Fonte: Pabli srl
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments