Nuovi Codici Tributo relativi alla comunicazione di irregolarità a seguito di controlli automatizzati

lentepubblica.it • 17 Dicembre 2014

Devono essere utilizzati dai contribuenti destinatari della comunicazione che intendono versare soltanto una quota dell’importo complessivamente richiesto dall’Amministrazione finanziaria.

L’Agenzia delle Entrate fa il pieno di codici tributo per consentire il versamento, tramite modello F24, delle somme dovute a titolo di imposta, interessi e sanzioni, dai contribuenti che hanno ricevuto una comunicazione di irregolarità a seguito dei controlli automatici.
A istituire i nuovi codici, la risoluzione n. 110/E del 16 dicembre.

Sono collegati a recenti novità normative: l’imposta sostitutiva sui proventi derivanti dall’attività di noleggio occasionale; l’imposta rateizzata sulla plusvalenza da exit tax; l’imposta sostitutiva su plusvalenze per cessione a titolo oneroso di titoli, partecipazioni e altri proventi finanziari, da parte degli intermediari; l’imposta sulle transazioni di azioni e altri strumenti partecipativi; il credito d’imposta per nuovi investimenti e per la crescita dimensionale delle imprese (in Sicilia).

Per agevolare i contribuenti a individuare la codifica esatta, nella tabella della risoluzione, in corrispondenza di ogni gruppo di codici (imposta, interessi e sanzioni), è associato il “numero” utilizzato per il versamento spontaneo.

Le comunicazioni in questione sono quelle emesse a seguito dell’attività di controllo automatico (articolo 36-bis del Dpr 600/1973), nei confronti dei contribuenti che commettono errori materiali e di calcolo. L’eventuale maggiore imposta risultante, infatti, prima di essere iscritta a ruolo, viene segnalata all’interessato tramite una comunicazione di irregolarità.

Il contribuente, se intende pagare solo una quota dell’importo complessivamente richiesto, non può utilizzare il modello F24 precompilato ricevuto, ma deve compilarne un altro, indicando i codici tributo nella sezione “Erario”, in corrispondenza degli “importi a debito versati”, e riportando, negli appositi campi, il codice atto e l’anno di riferimento reperibili nella stessa comunicazione.

 

Consulta l’allegato: Codici Tributo Irregolarita controlli automatizzati

 

FONTE: Fisco Oggi – Rivista Telematica dell’Agenzia delle Entrate

 

 

 

controlli automatizzati

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami