lentepubblica

Debiti Commerciali della PA: situazione pesante per le Imprese

lentepubblica.it • 3 Maggio 2022

debiti-commerciali-pa-situazione-impreseIn un recente report della CGIA Mestre emerge una situazione pesante per le Imprese fornitrici della PA: i Debiti Commerciali delle amministrazioni continuano a crescere.


Lo stock dei debiti commerciali di parte corrente della nostra Pubblica Amministrazione (PA)  continua ininterrottamente a crescere: nel 2021, ultima rilevazione presentata nei giorni scorsi, ha toccato il record di 55,6 miliardi di euro.

Una cifra che rapportata al nostro Pil nazionale è pari al 3,1 per cento: nessun altro Paese dell’UE a 27 registra uno score così  negativo. Dei nostri principali competitor commerciali, ad esempio, i debiti di parte corrente sul Pil  della Spagna sono pari allo 0,8 per cento, nei Paesi Bassi all’1,2 per cento, in Francia all’1,4 per cento e in Germania all’1,6 per cento.

Persino la Grecia, che l’anno scorso aveva un  rapporto debito pubblico/Pil che sfiorava il 203 per cento, presenta un’incidenza dei debiti commerciali sul Pil quasi la metà della nostra: 1,7 per cento.

Debiti Commerciali della PA: situazione pesante per le Imprese

Va altresì segnalato che nel computo dei debiti commerciali presentati nei giorni scorsi non sono inclusi quelli in conto capitale (ovvero quelli riferiti ai ritardi o mancati pagamenti per investimenti), che, secondo una stima dell’Ufficio studi della CGIA, potrebbero aggirarsi attorno ai 10 miliardi di euro.

Sommandoli ai 55,6 di parte corrente spingerebbe l’ammontare complessivo dei debiti commerciali della nostra PA a oltre 65 miliardi di euro.

Altresì, non sono poche le imprese che anche in questi ultimi 2 anni sono fallite; non per debiti, ma per crediti con lo Stato che non sono riuscite a riscuotere.

Una situazione incresciosa, secondo l’Ufficio studi della CGIA,  che dimostra ancora una volta come la macchina pubblica fatichi a rispettare i tempi di pagamento dei beni e servizi erogati dai propri fornitori, così come previsto dalla legge (di norma 30 giorni dall’emissione della fattura o 60 giorni per alcune tipologie di forniture, in particolare quelle sanitarie).

Il report completo della CGIA Mestre

Potete consultare il documento completo a questo link.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: CGIA Mestre
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments