fbpx

In arrivo i decreti per l’attuazione della Riforma della PA

lentepubblica.it • 22 Settembre 2015

carta dei diritti internetInizia il conto alla rovescia per l’attuazione della riforma della Pubblica Amministrazione, con il primo pacchetto di decreti attuativi in arrivo per ottobre. Sarà un autunno caldo quindi non solo sul fronte della legge di stabilità, ma anche per le novità in materia di cittadinanza digitale, trasparenza, taglio dei tempi della burocrazia.

 

In rampa di lancio anche i provvedimenti per l’ accorpamento delle camere di commercio e per il documento unico per l’ auto, che riunisce i dati su proprietà e circolazione. La precedenza è stata così data alle misure con un impatto più diretto su cittadini e imprese, ma non tarderanno gli interventi su partecipate pubbliche e servizi pubblici locali, con qualche elemento che potrebbe essere anticipato già in manovra, sotto la voce spending review.

 

L’esecutivo ha iniziato a lavorare per l’attuazione della riforma della Pubblica Amministrazione, con il primo pacchetto di decreti attuativi in arrivo già nella seconda parte di ottobre. Al ministero della Pub­blica Amministrazione infatti i lavori sono a buon punto su di­versi fronti: dal nuovo codice dell’amministrazione digitale, che cammina in parallelo con il Polo unico, al restyling della con­ferenza dei servizi, con uno snellimento dei processi e la de­terminazione di tempi certi. A uno stato avanzato è anche il regolamento sulla semplifica­zione e sull’accelerazione delle pratiche burocratiche in caso di insediamenti produttivi.

 

Saranno affrontati in particolare i temi in materia di cittadi­nanza digitale, trasparenza, ta­glio dei tempi della burocrazia. In arrivo anche i provvedimenti per l’accorpa­mento delle camere di commer­cio e per il documento unico per l’auto, che riunisce i dati su proprietà e circolazione.

 

La prima tranche di decreti at­tuativi, sette od otto, potrebbe quindi arrivare in Cdm tra un mese, a ridosso della legge di stabilità. A ritmi spediti procede anche il Freedom of in­formaction act, che garantisce l’accesso libero ai dati in posses­so della P.A. Si tratta in genera­le di provvedimenti che dovreb­bero rendere più semplice ed amichevole il rapporto tra citta­dini e pubblica amministrazione. La pre­cedenza è stata così data alle misure con un impatto più di­retto su cittadini e imprese, ma non tarderanno gli interventi su partecipate pubbliche e ser­vizi pubblici locali, con qualche elemento che potrebbe essere anticipato già in manovra, sotto la voce spending review.

 

Alcune parti della riforma, in particolare quelle che generano risparmi, potrebbero finire di­ rettamente in manovra. Oltre alle partecipate e alle spa locali c’è anche il taglio degli enti pub­blici inutili o in rosso e l’elimi­nazione degli uffici ministeriali doppioni.

 

Bisognerà invece aspettare un pò per il testo unico sul pub­blico impiego, la riforma della dirigenza e la riorganizzazione sul territorio, con la scure sulle prefetture e l’accorpamento del corpo forestale e la staffetta generazionale nelle pubbliche amministrazioni. Si tratta dei capitoli politicamente più deli­cati della riforma: l’obiettivo è comunque portare a termine il lavoro entro l’anno.

 

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Valerio Damiani
avatar
  Subscribe  
Notificami