Decreto Fiscale 2019, il Senato approva: ecco tutte le novità

lentepubblica.it • 29 Novembre 2018

decreto-fiscale-2019-senato-approvaIl decreto fiscale 2019, collegato alla legge di Bilancio, supera il primo scoglio parlamentare del Senato. Il testo ora passa alla Camera.


Il decreto perde alcuni pezzi, rispetto al testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale a Ottobre, tra cui la dichiarazione integrativa speciale, ma si arricchisce di nuovi tasselli rispetto alla versione precedente. Ecco un riepilogo.

 

L’Assemblea di Palazzo Madama, mercoledì 28 novembre, ha approvato dopo due giorni di discussioni con 147 voti favorevoli, 104 contrari e 6 astensioni, il disegno di legge n. 886, di conversione del decreto-legge n. 119.

 

Decreto Fiscale 2019, il Senato approva: le modifiche

 

Gli emendamenti presentati in commissione hanno apportato importanti modifiche al testo. A partire dalla rottamazione ter, dalla pace fiscale, dal bonus bebè e dalle imposte sulle sigarette elettroniche.

 

Rottamazione ter

 

Ci sarà l’allungamento delle rate che, pur sempre nei 5 anni, passano dalle attuali 10 a 18, e alla chiusura delle liti pendenti, laddove si calcolano al rialzo le percentuali di sconto sulla controversia.

 

Pace fiscale

 

Tra le principali novità vi sono le modifiche alla pace fiscale: è stato cancellato cancellando e sostituito l’articolo 9 del DL n. 119/2018, e quindi la dichiarazione speciale.

 

Bonus Bebè

 

Versione, più limitata del bonus bebè: durerà solo per il primo anno di vita del bebè, e non tre anni come prima, ma gli importi restano invariati, come il limite di reddito per poterne beneficiare. L’assegno, che può arrivare a 960 euro annui, 80 euro al mese, verrà corrisposto alle famiglie con reddito Isee non superiore a 25 mila euro (l’assegno è doppio se il reddito non supera i 7 mila euro).

 

Imposta sulle sigarette elettroniche

 

Modifiche anche in tema di sigarette elettroniche. A cambiare sono le imposte sulle e-cig che vengono nettamente ridotte. Si passa dal 50% di imposte al 5%.

 

Le altre misure in sintesi

 

Tra le altre principali novità introdotte in sede di conversione si segnalano:

 

  • riduzione della soglia per accedere all’interpello sui nuovi investimenti passando da 30 milioni a 20
  • proroga reverse charge per cessioni di tablet, console e pc fino al 2022
  • introdotta la sanatoria degli errori formali con un versamento di 200 euro per periodo d’imposta
  • fatturazione elettronica: esclusione dall’obbligo dell’e-fattura per gli operatori sanitari
  • fatturazione elettronica: prolungamento fino a settembre del periodo di sanzioni soft
  • misure per il contrasto dell’evasione fiscale

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
lentepubblica.it - Anagrafe Tributaria: le banche dati come funzionano?lentepubblica.it - Rottamazione Bis 2018, scadenza pagamento rate scadute è imminente Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] decreto fiscale 119/2018, attualmente in fase di conversione in legge da parte del Parlamento, stabilisce, infatti, che chi […]

trackback

[…] e per le valutazioni di impatto, quantificazione e monitoraggio dell’evasione fiscale. Il decreto fiscale 2019 collegato alla legge di Bilancio 2019 permette, infatti, alla Guardia di Finanzia l’accesso alla specifica sezione dell’Anagrafe […]