fbpx

DEF: si interverrà sul deficit pubblico?

lentepubblica.it • 7 Ottobre 2016

deficitNella partita che si sta giocando sui ‘numeri’ depositati in Parlamento e su cui l’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb) ha mosso rilievi, l’esecutivo non vuole fare passi indietro. La crescita del Pil resterà, quindi, fissata all’1% ma ci sono margini per intervenire sul deficit indicato per il 2017 al 2% del Pil.

 

Il governo conferma la stima di crescita del Pil all’1% nel 2017 ma sta valutando la possibilita’ di alzare il deficit dal 2% indicato nell’aggiornamento del Documento di economia e finanza al 2,2%. Secondo quanto riferiscono fonti governative, nella partita che si sta giocando sui ‘numeri’ depositati in Parlamento e su cui l’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb), guardiano dei conti, ha mosso rilievi, l’esecutivo non ha alcun intenzione formalmente di fare passi indietro. La crescita del Pil restera’, quindi, fissata all’1% ma ci sono margini per intervenire sul deficit indicato per il 2017 al 2% del Pil e giudicato ottimistico. L’ordinamento europeo nell’ambito del quale e’ stato approvato il pareggio di bilancio e istituita l’autorita’ indipendente che deve validare il quadro macroeconomico e sorvegliare i conti, ovvero l’Upb, spiegano fonti tecniche, ha come riferimento il Documento programmatico di bilancio che deve essere inviato in Europa entro il 17 ottobre (il termine sarebbe il 15 ma cade di sabato).

 

La ‘validazione’ che conta ai fini dei vincoli europei, infatti, non riguarda la Nota di aggiornamento al Def ma appunto il Documento programmatico, ovvero la griglia dei numeri e delle misure che comporranno la manovra. Quindi, spiegano le stesse fonti, se il governo, dopo aver presentato ulteriori dettagli sui contenuti della manovra, non dovesse ottenere il disco verde dell’Upb, e decidesse di andare avanti comunque, potrebbe comunque optare per correggere il deficit in sede di trasmissione del Documento programmatico di bilancio a Bruxelles, una volta ottenuto il via libera del Parlamento ad aumentare l’indebitamento netto fino al 2,4% in virtu’ delle spese per la ricostruzione del terremoto e per l’emergenza migranti. In quel caso l’Upb potrebbe ‘validare’ il mutato quadro programmatico e l’esecutivo potrebbe incassare anche il si’ della Ue.

 

Al momento, quindi, bocce ferme: il governo fornira’ all’Ufficio parlamentare di bilancio “ulteriori dettagli sui contenuti della manovra”, come spiegato dal viceministro dell’Economia, Enrico Morando, e poi sara’ il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, a fornire le informazioni alla Commissione Bilancio della Camera nel corso dell’audizione in programma martedi’ sera.

Fonte: Confcommercio
avatar
  Subscribe  
Notificami