fbpx

Dl Irpef: rivedere equilibri dei tagli. Regioni chiedono vertice con Renzi

lentepubblica.it • 28 Aprile 2014
Dl Irpef. “La proposta di taglio di 700 milioni di euro alle Regioni va rivista perché non è equilibrata rispetto al ‘peso’ che lo stesso taglio ha per il comparto statale”. Lo ha spiegato il presidente Vasco Errani al termine della Conferenza delle Regioni straordinaria del 24 aprile, tenutasi per affrontare il taglio alla spesa per beni e servizi oggetto di un decreto presentato il 18 aprile scorso dal presidente del Consiglio Matteo Renzi.
“Chiederemo subito un incontro alla Presidenza del Consiglio – ha spiegato Errani – perché da una parte é positivo che non ci siano tagli alla sanità, ma dall’altra parte vogliamo avviare subito un lavoro col Governo finalizzato alla piena applicazione dei costi standard. E’ la strada che permetterebbe di garantire il salto di qualità all’intero sistema”. Errani ha poi sottolineato che l’incontro al premier consentirà di affrontare nel dettaglio i temi oggetto del provvedimento, che comunque a suo dire “potrà avere effetti positivi per la sanità, liberando risorse – ha sottolineato Errani – che potranno essere reinvestite all’interno dello stesso comparto”.
Errani ha poi aggiunto di non apprezzare “la divisione che spesso si fa tra Regioni virtuose e non, soprattutto perché si è già ottenuto un percorso per l’applicazione dei costi standard, che verrà realizzata con le Regioni benchmark che consentirà, anche nella sanità, un adeguamento dei costi”.
Quanto poi al “tema degli sprechi sento molti numeri ma a breve avvieremo una verifica con un percorso concreto”, ha aggiunto Errani. “Una ipotesi a cui stiamo lavorando – ha aggiunto – prevede la possibilità di mettere a disposizione di quelle Regioni che non ne sono provviste l’uso delle piattaforme di acquisto, che già sono operative in molti territori. Quello che serve è un salto di qualità come sistema”, ha osservato. “Del resto sul Patto per la Salute, che si sta chiudendo con il governo, si tiene proprio sulla base dei costi standard”, ha aggiunto. Con il governo, continua Errani, “faremo un lavoro anche per ridurre le addizionali e qualificare i servizi”.
FONTE: Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome (www.regioni.it)
tagli 3
Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami