fbpx

Centrali Uniche di Committenza: tutti i documenti utili per i Comuni

lentepubblica.it • 9 Febbraio 2015

Pubblichiamo l’aggiornamento delle Faq a seguito di quesiti sottoposti all’Anci dai Comuni sulle Centrali uniche di committenza. Pubblichiamo, inoltre, lo schema di convenzione per la acquisizioni di beni, servizi e lavori, con relativa guida; i due DPCM sui requisiti dei soggetti aggregatori e sul Tavolo istituzionale.

Si informa che verranno man mano pubblicati gli aggiornamenti delle Faq e altri documenti di interesse, su questo specifico argomento, su cui sta lavorando il gruppo tecnico di esperti, coordinato dall’Ufficio Lavori Pubblici, Edilizia, Urbanistica.

Nell’ambito delle azioni volte ad implementare la razionalizzazione della spesa attraverso la riduzione delle spese per beni e servizi, il Tavolo tecnico realizza forme di monitoraggio sullo stato di realizzazione ed attuazione del piano integrato, al fine di valutarne la relativa efficacia anche attraverso l’utilizzo di un sistema di indicatori sintetici di risultato.

Ricordiamo che l’articolo 33, comma 3-bis del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 stabilisce che i Comuni non capoluogo di provincia procedono all’acquisizione di lavori, beni e servizi nell’ambito delle unioni dei comuni di cui all’articolo 32 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ove esistenti, ovvero costituendo un apposito accordo consortile tra i comuni medesimi e avvalendosi dei competenti uffici anche delle province, ovvero ricorrendo ad un soggetto aggregatore o alle province, ai sensi della legge 7 aprile 2014, n. 56.

La stessa disposizione prevede che, in alternativa, gli stessi Comuni possono acquisire beni e servizi attraverso gli strumenti elettronici di acquisto gestiti da Consip S.p.A. o da altro soggetto aggregatore di riferimento.

La ratio sottesa alla disposizione è quella di “limitare l’elevata frammentazione del sistema degli appalti pubblici e la concentrazione delle procedure di evidenza pubblica, al fine di ridurre i costi di gestione delle procedure e di far ottenere risparmi di spesa, quantificabili a consuntivo, per le conseguenti economie di scala” (Corte dei Conti, sez. reg. controllo Campania, delib.1890/2014/PAR del 10 luglio 2014).
 

Consulta i documenti allegati:

DPCM soggetti aggregatori1

DPCM tavolo soggetti aggregatori1

Guida prot convenzioni centrali committenza 29 gennaio 2015

Schema_finale_prot_29_gennaio_2015_convenzione_gestione_associata_acquisizioni beni_servizi_lavori

Tabella FAQ aggiornata al 5_febbraio

 

 

 

FONTE: ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani

 

 

committenza

 

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami