Economia, le linee programmatiche del Ministro Tria alla Camera e al Senato

lentepubblica.it • 10 Luglio 2018

economia-linee-programmatiche-ministro-triaLe linee programmatiche del Ministro Tria illustrate nelle Commissioni bilancio di Senato e Camera. Ecco i dettagli.


Perseguire prioritariamente ‘’la crescita, in un quadro di coesione e inclusione sociale, all’interno di una politica di bilancio volta alla riduzione del rapporto debito/pil’’. Questo l’obiettivo della politica economica del governo le cui linee guida sono state illustrate dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, nel corso di una audizione che si è svolta ieri dinanzi alle Commissioni bilancio di Camera e Senato. L’audizione, ha detto Tria ‘’mi consente di aprire un positivo e costruttivo dialogo con il Parlamento anche in vista della prossima sessione di bilancio’’.

 

Gli altri punti qualificanti riguardano ‘’il non peggioramento del saldo strutturale, il non aumento della spesa nominale, la ricomposizione della spesa riducendo quella corrente e aumentando la spesa in conto capitale’’, ossia la quota di spesa destinata agli investimenti che il Ministro considera il vero motore della crescita.

 

Nota di aggiornamento del DEF

 

Per le nuove stime macroeconomiche e di finanza pubblica il ministro ha rinviato alla Nota di Aggiornamento al DEF che sarà presentata entro il 27 settembre e che tratteggerà il quadro programmatico aggiornato. ‘’Le condizioni di salute dell’economia e della finanza pubblica sono buone’’ ha puntualizzato Tria spiegando che ‘’l’economia, seppure con ritmi non del tutto soddisfacenti, presenta tassi di crescita positivi, gli ultimi dati del mercato del lavoro sono positivi con l’occupazione in crescita e la disoccupazione al di sotto dell’11%. Il fabbisogno del settore statale del primo semestre del 2018 si è ridotto di oltre 9 miliardi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno’’.

 

Nonostante un lieve rallentamento della crescita nei primi due trimestre del 2018, imputabile principalmente alla discesa delle esportazioni verso i Paesi esterni all’Unione europea ‘’valutiamo ancora possibile chiudere il 2018 con un indebitamento intorno al livello programmato e confermato nel DEF’’. In ogni caso, per l’anno in corso, ha rimarcato il Ministro Tria ‘’non è intenzione del governo adottare alcuna misura correttiva così come, d’altra parte, è nostra intenzione evitare misure che possano peggiorare i saldi di finanza pubblica per il 2018’’.

 

Per il prossimo anno ‘’il governo si adopererà per ottenere dalle autorità europee e da questo Parlamento tutto lo spazio necessario per attuare i principali punti qualificanti del programma di governo. E’ tuttavia importante – sono state le parole del Ministro – che prosegua e si rafforzi il processo di riduzione del debito pubblico e non peggiori il saldo strutturale’’.

 

Per agevolare l’attuazione delle misure del programma Tria ha annunciato l’istituzione di tre task force: sul welfare, sul fisco, sugli investimenti.

 

 

 

Fonte: MEF - Ministero dell'Economia e delle Finanze
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
lentepubblica.it - Tagli agli Stipendi dei Dipendenti Pubblici? Nuovo stop alle spese nella PA Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] ministro dell’Economia Tria, durante l’illustrazione delle sue linee guida al Parlamento svela i piani per la sforbiciata alle spese pubbliche: tagli agli Stipendi dei Dipendenti […]