fbpx

Fattura su duplicati patenti e pratiche nautiche solo su richiesta

lentepubblica.it • 2 Settembre 2014

In Gazzetta Ufficiale la disposizione con gli ultimi casi di esonero dall’obbligo di emissione del documento contabile, che sopravvive solo quando il cliente lo reclama

Due nuove tipologie di operazioni entrano nel novero di quelle effettuabili senza obbligo di emissione della fattura, cioè quelle cessioni e prestazioni di servizi al pubblico caratterizzate da tali “uniformità, frequenza e importo limitato”, come ad esempio il commercio al dettaglio, da rendere gravosa l’osservanza dell’obbligo contabile. La fattura arriva soltanto se il cliente la chiede entro e “non oltre il momento di effettuazione dell’operazione”.
 
A prendere posto nell’articolo 22 del Dpr 633/1972 sono i servizi di stampa e recapito dei duplicati di patente e quelli di gestione e rendicontazione dei versamenti effettuati, dall’utenza, per pratiche riguardanti i trasporti, la navigazione e i sistemi informativi e statistici. Tutti servizi resi da concessionari che hanno stipulato un contratto con il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti.
Il lasciapassare è dato dal decreto 8 agosto 2014 del ministero dell’Economia e delle Finanze pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 201 di sabato scorso.
 
I nuovi esoneri nascono proprio dalla normativa Iva che, espressamente (articolo 22, comma 2, Dpr 633/1972), prevede l’estensione della “dispensa”, ogni volta si renda necessaria, tramite apposito decreto ministeriale.

 

FONTE: Fisco Oggi – Rivista Telematica dell’Agenzia delle Entrate

 

patente

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami