fbpx

Fondi decentrati degli Enti Locali: Corte dei Conti smentisce il MEF

lentepubblica.it • 1 Agosto 2017

fondi decentrati enti localiI nuovi principi contabili, le indicazioni dell’Aran e la giurisprudenza contabile formatasi nel frattempo, sono elementi sufficienti per superare le indicazioni del Mef sulla possibile validità della costituzione dei fondi decentrati nell’anno successivo. Lo stabilisce la Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Molise, con la deliberazione n. 161/2017.


Si ha riguardo, in primo luogo, all’affermazione secondo cui gli incentivi per le sentenze favorevoli e per la progettazione interna hanno specifiche fonti di finanziamento che alimentano il fondo per la contrattazione decentrata e le relative risorse non possono essere distratte dalle finalità incentivanti cui sono destinate. Al riguardo, con particolare riferimento alla natura vincolata delle risorse che alimentano anche la parte variabile del Fondo, appare utile richiamare l’elaborazione effettuata dall’ARAN, che la Sezione intende in questa sede condividere. In particolare, secondo l’ARAN: “le fonti di alimentazione di tale tipologia di risorse sono espressamente indicate nell’art. 31, co 3, del CCNL del 22-01-2004, che le finalizzano a specifici vi a tal fine individuati (v. ad esempio, art. 15, co 1 e 2, del CCNL dell’1-04-1999; risorse destinate alla progettazione; ecc.). Sulla base delle fonti legittimanti, ogni determinazione in materia, comunque, è demandata alle autonome valutazioni dei singoli enti.

 

In virtù della specifica finalizzazione annuale e della loro natura variabile (sia il loro stanziamento che l’entità delle stesse possono variare da un anno all’altro), le risorse di cui si tratta non possono né essere utilizzate per altri scopi, diversi da quelli prefissati, né, a maggior ragione, essere trasportate sull’esercizio successivo in caso di non utilizzo nell’anno di riferimento. Diversamente ritenendo, esse finirebbero sostanzialmente per “stabilizzarsi” nel tempo, in contrasto con la ratio della previsione del CCNL e con la specifica finalizzazione delle risorse stesse, che è alla base del loro stanziamento annuale. Pertanto, si ritiene che le risorse di cui si tratta, ove non utilizzate per le specifiche finalità cui sono destinate nell’anno nel quale sono stanziate (per il mancato o solo parziale raggiungimento degli obiettivi stabiliti ed in relazione ai quali si è proceduto all’incremento delle risorse variabili), nello stesso anno diventano economie di bilancio e tornano nella disponibilità dell’ente.

 

 

In allegato il testo completo della deliberazione.

 

 

 

Fonte: TAR Molise
avatar
  Subscribe  
Notificami