fbpx

Legge di Bilancio: nota di lettura per gli Enti Locali

lentepubblica.it • 14 Dicembre 2016

bilanci preventiviPubblicata la nota di lettura Anci-Ifel sulle norme di interesse per gli enti locali contenute nella Legge di bilancio 2017, approvata dal Senato il 7 dicembre ma non ancora pubblicata in Gazzetta.

 

Il Disegno di legge di Bilancio 2017 “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019”, è stato definitivamente approvato lo scorso 7 dicembre e la legge di conversione è in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

 

Ad esempio, il comma 42, attraverso la modifica del comma 26 della legge di stabilità 2016, estende al 2017 il blocco degli aumenti dei tributi e delle addizionali delle regioni e degli enti locali. Come per il 2016, restano escluse dal blocco alcune fattispecie esplicitamente previste: la tassa sui rifiuti (TARI), le variazioni disposte dagli enti che deliberano il pre-dissesto o il dissesto. Non rientrano nel divieto di aumento tutte le entrate che hanno natura patrimoniale come ad esempio la tariffa puntuale sui rifiuti di cui al comma 667 della legge di stabilità 2014, il canone occupazione spazi e aree pubbliche ed il canone idrico. Invece, il canone per l’autorizzazione all’installazione dei mezzi pubblicitari (Cimp), se pure alternativo all’imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni, ha natura tributaria (CCost, sent. n.141/2009) e quindi rientra nel blocco. Inoltre, come chiarito anche da diversi pronunciamenti in sede consultiva delle sezioni regionali della Corte dei Conti, la 3 disposizione di cui al comma 26 deve essere letta nel senso che il blocco si applica a tutte le forme di variazione in aumento dei tributi a livello locale, sia che le stesse si configurino come incremento di aliquote di tributi già esistenti nel 2015 o abolizione di regimi agevolativi, sia che consistano nell’istituzione di nuovi prelievi tributari.

 

Con la lettera b) si prevede che i Comuni che hanno optato nel 2016 per il mantenimento della maggiorazione TASI nella misura applicata per l’anno 2015 (come prescritto dal predetto comma 28) possano continuare a farlo anche nel 2017, sempre previa espressa deliberazione del consiglio comunale. Va ricordato che la conferma di questo prelievo, istituito temporaneamente dal 2014, consente ad un gran numero di Comuni il mantenimento dei livelli di gettito preesistenti all’istituzione della Tasi. Il blocco delle aliquote dei tributi viene, quindi, reiterato anche per il 2017. A fronte di questa scelta politica, l’Anci ha comunque ritenuto di avanzare alcune proposte emendative volte a realizzare uno sblocco selettivo di alcuni tributi, tra i quali l’imposta e il canone comunale sulla pubblicità, la Tosap, l’imposta di soggiorno ed il contributo di sbarco dei comuni delle isole minori. Inoltre è stata evidenziata la situazione di evidente difficoltà dei circa 650 Comuni che nel 2015 avevano deliberato in materia di tributi oltre il termine del 31 luglio e ora si troverebbero ad applicare la stessa disciplina del 2014. Per questi casi è stata richiesta la possibilità di ripresentare le delibere a suo tempo approvate oltre i termini.

 

In allegato il testo completo della nota.

Fonte: ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Legge di Bilancio: una riflessione sui cambiamenti per gli Enti Localilentepubblica Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami