fbpx

Maggior gettito IMU su Fabbricati ‘D’ ed ‘E’: acconto per il ristoro ai Comuni

lentepubblica.it • 26 Ottobre 2016

House made of money

Sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 241 del 14 ottobre 2016 è stato pubblicato il Decreto MEF, del 29 settembre 2016, recante: “Erogazione dell’acconto per il ristoro ai Comuni della perdita di gettito a seguito della rideterminazione delle rendite catastali dei fabbricati appartenenti ai Gruppi catastali ‘D’ ed ‘E”.

 

Ai comuni delle regioni a statuto ordinario nonche’ della Regione siciliana e della regione Sardegna, e’ corrisposto, a titolo di acconto del contributo annuo di 155 milioni di euro previsto per la compensazione del minor gettito per l’anno 2016 di cui al comma 24 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208, l’importo complessivo di € 45.739.625, come ripartito nell’allegato A al presente decreto, secondo la metodologia illustrata nella nota di cui all’allegato B al presente decreto, adottata sentita la Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali nella seduta del 3 agosto 2016.

 

Alle Regioni a statuto speciale Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta nonche’ alle Province autonome di Trento e di Bolzano, cui la legge attribuisce competenza in materia di finanza locale, e’ corrisposto direttamente, a titolo di acconto del contributo annuo di 155 milioni di euro previsto per la compensazione del minor gettito per l’anno 2016 di cui al comma 24 dell’art. 1 della legge n. 208 del 2015, l’importo complessivo di € 4.211.451, ripartito tra i predetti enti nell’allegato A al presente decreto secondo la metodologia di cui all’allegato B al presente decreto. Le Regioni a statuto speciale Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta nonche’ alle Province autonome di Trento e di Bolzano provvedono alla relativa ripartizione in favore dei singoli comuni appartenenti al proprio territorio.

 

Nell’ipotesi in cui gli importi erogati a titolo di acconto, in applicazione del comma 1, risultino, in sede di ripartizione definitiva, superiori a quelli dovuti, il Ministero dell’interno procede al recupero delle somme eccedenti ai sensi dell’art. 1, commi 128 e 129, della legge 24 dicembre 2012, n. 228.

 

In allegato il testo completo del decreto.

 

 

 

Fonte: Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana
avatar
  Subscribe  
Notificami