Modello 730 errato: cosa fare? Una guida alla rettifica per evitare sanzioni

lentepubblica.it • 10 Giugno 2019

modello-730-errato-cosa-fareModello 730 errato: cosa fare? Ecco alcuni chiarimenti su cosa è necessario fare in caso di sopravvenuti errori dopo l’invio della dichiarazione.


Modello 730 errato: cosa fare e come bisogna procedere al ravvedimento in caso di invio dichiarazioni con dati errati o incongrui.

Il modello 730 2019

Il 730 è il modello per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e pensionati. Il modello 730 presenta diversi vantaggi.

  • Principalmente, il contribuente non deve eseguire calcoli e ottiene il rimborso dell’imposta direttamente nella busta paga o nella rata di pensione, a partire dal mese di luglio (per i pensionati a partire dal mese di agosto o di settembre);
  • se, invece, deve versare delle somme, queste si trattengono dalla retribuzione (a partire dal mese di luglio) o dalla pensione (a partire dal mese di agosto o settembre) direttamente nella busta paga.

Inoltre, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione, in una specifica area del suo sito internet, il 730 già precompilato, a cui si accede utilizzando il codice Pin dei servizi telematici (Fisconline) oppure un’identità SPID (Sistema Pubblico dell’Identità Digitale) o anche utilizzando anche le credenziali dispositive rilasciate dall’Inps o una Carta nazionale dei servizi.

Modello 730 errato cosa fare?

Se si riscontrano errori di compilazione o di calcolo, è possibile rivolgersi a chi ha prestato l’assistenza per correggerli. In questo caso è necessario compilare il modello 730 rettificativo.

Quando il modello si compila in modo corretto, ma il contribuente si accorge di aver dimenticato di esporre degli oneri deducibili o detraibili, si può:

  • presentare entro il 25 ottobre un modello 730 integrativo. Il modello 730 integrativo deve essere presentato a un intermediario (Caf, professionista), anche se il modello precedente era stato presentato al datore di lavoro o all’ente pensionistico o era stato presentato direttamente tramite il sito internet dell’Agenzia delle Entrate
  • presentare, in alternativa, un modello REDDITI Persone fisiche entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta successivo.

Se, invece, il contribuente si accorge di aver dimenticato di dichiarare dei redditi? Oppure ha indicato oneri deducibili o detraibili in misura superiore a quella spettante?

Deve presentare obbligatoriamente un modello REDDITI Persone fisiche e pagare direttamente le somme dovute. Compresa la differenza rispetto all’importo del credito risultante dal modello 730, rimborsato dal sostituto d’imposta.

 

Fonte: Agenzia delle Entrate
avatar
  Subscribe  
Notificami