Modello IVA TR: agli sgoccioli la scadenza

lentepubblica.it • 2 Maggio 2016

iva concordato preventivoBattute finali per la presentazione del modello Iva Tr: i contribuenti che, nel periodo gennaio-marzo 2016, hanno realizzato un’eccedenza di imposta detraibile di importo superiore a 2.582,28 euro e intendono chiederne, in tutto o in parte, il rimborso o l’utilizzo in compensazione con altri tributi, contributi o premi, entro oggi devono inviare l’istanza all’Agenzia delle Entrate. Il modello, con le relative istruzioni e le specifiche tecniche, è stato rivisitato con provvedimento del 21 marzo scorso, per tener conto delle modifiche normative apportate dalla legge 208/2015.

 

Possono chiedere il rimborso Iva infrannuale (articolo 38-bis, secondo comma, Dpr 633/1972):

 

 

  • i contribuenti che esercitano esclusivamente o prevalentemente attività che comportano operazioni soggette a imposta con aliquote inferiori a quelle dell’imposta relativa agli acquisti e alle importazioni
  • i contribuenti che effettuano operazioni non imponibili (articoli 8, 8-bis e 9 del Dpr 633/1972) per un ammontare superiore al 25% del totale complessivo di tutte le operazioni effettuate
  • i contribuenti che hanno effettuato nel trimestre acquisti e importazioni di beni ammortizzabili per un ammontare superiore ai 2/3 del totale degli acquisti e delle importazioni imponibili
  • i soggetti non residenti e senza stabile organizzazione nel territorio italiano, identificati direttamente (articolo 35-ter del Dpr 633/1972) o che hanno nominato un rappresentante residente nel territorio dello Stato
  • i soggetti che nel trimestre effettuano, nei confronti di soggetti passivi non stabiliti in Italia, operazioni attive, per un ammontare superiore al 50% di tutte le operazioni fatte, riferite a:
  • prestazioni di lavorazione relative a beni mobili materiali
  • prestazioni di trasporto di beni e relative prestazioni di intermediazione
  • prestazioni di servizi accessorie ai trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione
  • prestazioni indicate nell’articolo 19, comma 3, lettera a-bis, Dpr 633/1972.

 

 

In alternativa alla richiesta di rimborso, è possibile utilizzare in compensazione il credito Iva, tenendo conto del fatto che, in linea generale, tale opportunità è consentita solo dopo la presentazione dell’istanza. Inoltre, se si supera il limite di 5mila euro annui, riferito all’ammontare complessivo dei crediti trimestrali maturati nell’anno, il credito è utilizzabile dal sedicesimo giorno del mese successivo a quello di presentazione dell’istanza di rimborso/compensazione.

 

L’F24 deve viaggiare esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia, Fisconline o Entratel.
 

Il modello Iva Tr è disponibile sul sito delle Entrate, insieme alle relative istruzioni, e deve essere presentato entro il 2 maggio (il termine ordinario è l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre di riferimento ma, quest’anno, il 30 aprile era sabato). L’operazione va effettuata in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati, utilizzando lo specifico software di compilazione e laprocedura di controllo.

Fonte: Fisco Oggi, Rivista Telematica dell'Agenzia delle Entrate - articolo di Rosa Colucci
avatar
  Subscribe  
Notificami