Obbligo Scontrino Elettronico 2019: proroga richiesta per tutelare i commercianti

lentepubblica.it • 19 Giugno 2019

obbligo-scontrino-elettronico-2019-proroga-richiestaObbligo Scontrino Elettronico 2019: proroga richiesta da Confcommercio per venire in aiuto di quei commercianti che rischiano di non poter essere pronti il prossimo 1° Luglio.


In base a quanto previsto dal decreto 119/2018 collegato alla legge di Bilancio 2019, quindi, dal prossimo 1° luglio, le attività che sviluppano un volume d’affari superiore ai 400mila euro, dovranno dire addio agli scontrini cartacei e ai registratori di cassa, dotandosi di apparecchiature digitali, collegate direttamente con l’Agenzia delle Entrate. In questa prima fase, secondo i dati di Confcommercio si tratta di circa 261mila imprese commerciali.

Dal 1° gennaio 2020 l’obbligo di scontrino elettronico 2019 sarà esteso a tutti i commercianti: per l’Italia si parla di circa di 2 milioni di imprese.

Per adempiere ai nuovi obblighi, i dettaglianti dovranno dotarsi di registratori di cassa adatti alla memorizzazione e trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei corrispettivi. Il prezzo medio di questi nuovi strumenti è di 800 euro. Tuttavia, è prevista la possibilità di mantenere il registratore analogico integrandolo con un software specifico capace di spedire direttamente all’Agenzia delle Entrate il corrispettivo giornaliero di ogni attività commerciale. Quegli imprenditori che, nel 2019 o nel 2020, acquisteranno un registratore digitale che consenta di potranno ottenere un bonus fiscale sotto forma di credito d’imposta pari al 50% della spesa fino a 250 euro.

Il contribuente potrà poi consultare i dati riguardo al proprio esercizio direttamente nel portale dell’Agenzia. Lo scontrino elettronico, infine, potrà essere usato dal consumatore come garanzia digitale sull’acquisto.

Obbligo Scontrino Elettronico 2019: proroga richiesta da Confcommercio

Carlo Sangalli, presidente dell’associazione Confcommercio ha già inviato nelle scorse settimane una lettera al ministro dell’Economia Giovanni Tria nella quale ha chiesto di posticipare al prossimo 1° gennaio 2020 il termine per l’entrata in vigore dello scontrino elettronico anche per le attività commerciali che sviluppano un volume di affari annuo superiore ai 400mila euro.

Confcommercio chiede nello specifico al Governo di rinviare al 1° gennaio 2020 l’entrata in vigore di questo obbligo per i commercianti al dettaglio di trasmissione telematica dei corrispettivi anche per i soggetti con un volume d’affari superiore a 400 mila euro.

Fonte: Confcommercio
avatar
  Subscribe  
Notificami