lentepubblica

Non servono più permessi per chiudere i balconi con le vetrate

lentepubblica.it • 27 Settembre 2022

permessi-balconi-con-vetrateAll’interno del Decreto Aiuti Bis un’interessante novità per i consumatori: ora non servono più i permessi per chiudere i balconi con le vetrate.


Il decreto aiuti bis facilita l’installazione di chiusure trasparenti amovibili, che adesso godono di agevolazioni e rientrano nell’edilizia libera.

L’art. 33 quater, introdotto nella conversione in legge del Dl n.115/2022, va così a modificare l’articolo 6 del Testo Unico, aggiungendo tra gli interventi di edilizia libera “l’installazione di vetrate panoramiche amovibili e totalmente trasparenti (VEPA)”.

Ecco cosa cambia e quanto risparmierà una famiglia su bollette, oneri e tempi.

Non servono più permessi per chiudere i balconi con le vetrate

Lo scopo è finalizzato a chiudere i balconi con le vetrate panoramiche per abbattere i costi di riscaldamento.

Tra le funzioni che sono chiamate ad assolvere le vetrate:

  • la protezione dagli eventi atmosferici
  • l’aumento del risparmio energetico
  • la riduzione delle dispersioni termiche.

Con l’approvazione del decreto aiuti bis l’istallazione di queste vetrate rientra nell’ambito dell’edilizia libera, il che significa che non è più necessario richiedere alcuna autorizzazione in comune, ma l’intervento può essere fatto senza alcun tipo di onere burocratico e spese aggiuntive, semplicemente rivolgendosi agli installatori autorizzati.

Queste vetrate possono far risparmiare fino al 30% sulla bolletta, con un investimento tutto sommato contenuto.

Per essere installate senza alcuna autorizzazione, le vetrate devono in pratica rispondere a due condizioni:

  • non devono delimitare spazi stabilmente chiusi che comportino una variazione di volumi e superfici o cambiamenti nella destinazione d’uso dell’immobile da superfici accessorie a superfici utili
  • devono mantenere il profilo estetico dell’edificio.

Secondo quanto dichiarato al Quotidiano Nazionale da Vito Chirenti, presidente di Assvepa – Associazione italiana vetrate panoramiche, si tratta di:

Un cambiamento importante per le famiglie che si tradurrà in un risparmio sulle bollette calcolabile tra i 300 e 500 euro all’anno. Non solo: si risparmieranno i tempi lunghi dei permessi e gli oneri. Dalle nostre informazioni oggi un Comune chiede in media 6-8.000 euro per una vetrata di 6 metri“.

 

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments