Procedura di controllo Comunicazioni dei pagamenti effettuati tramite POS

lentepubblica.it • 14 Gennaio 2014

È disponibile il modulo di controllo per la trasmissione delle Comunicazioni dei pagamenti effettuati tramite POS previste dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 18 ottobre e 17 novembre 2013 (Prot. N. 2013/121812).

Le comunicazioni devono essere predisposte secondo il tracciato allegato al citato Provvedimento.

Il termine per la trasmissione delle comunicazioni è stabilito al 31 gennaio 2014.

Questo software consente di verificare la conformità delle comunicazioni e il rispetto delle regole definite nelle specifiche tecniche allegate al Provvedimento n. 2013/121812.

L’effettuazione del controllo di conformità dei file contenenti le comunicazioni è obbligatoria; in tale fase, infatti, viene prodotto il file controllato (con estensione .dcm) predisposto per la successiva fase di autenticazione. Si evidenzia che in fase di controllo delle comunicazioni saranno notificati gli eventuali errori o incongruenze presenti nella fornitura. In presenza di informazioni errate non viene generato il file “controllato” (con estensione .dcm), e pertanto è necessario rimuovere tutte le anomalie riscontrate. Per la compilazione del file è necessario attenersi a tutte le regole definite nelle specifiche e nelle note tecniche allegate alla normativa. In tali documenti sono riportate anche le modalità di trasmissione relative all’invio di comunicazioni ordinarie, sostitutive e di annullamento.

Per l’istallazione del modulo di controllo è necessaria la versione 5.2.0 dell’applicazione Entratel o la versione 2.8.7 dell’applicazione FileInternet, e successive.

Compatibilità sistemi operativi:

  • ambiente WIN – Sistemi operativi compatibili: Windows XP (SP3), Windows Vista, Windows 7
  • ambiente MAC – Sistemi operativi compatibili: OS 10.4(Tiger), OS 10.5 (Leopard), OS 10.6 (Snow Leopard).

Per migliorare il servizio e di conseguenza facilitare il prelievo dei programmi sono stati predisposti due distinti accessi: “Connessione analogica” e “Connessione ADSL”.

Il primo è dedicato a coloro che utilizzano una connessione analogica (accesso via modem su linea tradizionale o ISDN); il secondo accesso invece è riservato esclusivamente agli utenti che utilizzano una connessione ADSL.

Si fa presente che le prestazioni del sistema sono tanto migliori quanto più è corretto l’utilizzo dei due accessi.

FONTE: Agenzia delle Entrate

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami