Processo Tributario Telematico: a Dicembre debutto in altre due Regioni

lentepubblica.it • 25 Novembre 2015

codici, entrate tributarieLa dematerializzazione avrà positive conseguenze in termini di risparmio di denaro e di tempo e comporterà maggiori garanzie di riservatezza e di completezza dei fascicoli.

 

Dal 1° dicembre, il processo tributario telematico uscirà dall’incubatore della sperimentazione, svolta nel Lazio, ed entrerà nella sua età matura in Umbria e Toscana, per assolvere il compito di agevolare la reciproca interazione tra le parti processuali e il rapporto con le segreterie delle commissioni tributarie.

 

Man mano che il processo telematico entrerà in vigore in tutte le regioni d’Italia (fase che si concluderà entro la fine del 2016), il portale web della giustizia tributaria diverrà il punto di riferimento istituzionale per tutti gli operatori tributari.

 

Infatti, attraverso la sua area pubblica (liberamente accessibile a chiunque), sarà possibile visionare tutte le informazioni attinenti al processo tributario e inviare suggerimenti per il miglioramento dei servizi offerti; l’area riservata fungerà da cuore del sistema, infatti costituirà il punto unico di accesso al processo tributario telematico. Possiamo immaginare l’area riservata come una sorta di portone virtuale delle commissioni tributarie, superato il quale si accede al Sigit (Sistema informativo della giustizia tributaria).

 

La necessaria registrazione è stata interamente telematizzata, quindi: le credenziali saranno fornite tramite Pec, dopo il compimento, da parte del sistema informatico, di alcuni controlli formali, sui dati inseriti dall’utente.
Per effettuare la registrazione e per operare nel Sigit, occorre: una connessione internet, una casella di posta elettronica certificata (Pec) e una valida firma digitale o elettronica qualificata.

 

In pratica, la parte processuale che scelga di avvalersi della procedura telematica, può costituirsi telematicamente e, di conseguenza, può effettuare il deposito telematico di tutti gli altri atti processuali, accedere al fascicolo processuale informatico, consultare tutti gli atti e i provvedimenti emanati dal giudice, senza doversi recare in commissione tributaria e senza la mediazione di un funzionario della stessa.

 

Occorre, qui, ribadire che il processo telematico si affianca a quello tradizionale cartaceo, che continuerà a essere praticabile ma, ai sensi dell’articolo 2 del Dm 23 dicembre 2013 (“Regolamento recante la disciplina dell’uso di strumenti informatici e telematici nel processo tributario”), la scelta, per fatti concludenti, è irreversibile, anche nei successivi gradi di giudizio: è possibile transitare dal processo telematico a quello tradizionale cartaceo soltanto in caso di cambio del difensore.

 

La Pec, insieme alla firma elettronica, è il fulcro del sistema: dalla competente lettura dei campi contenuti nel file daticert.xml sarà possibile appurare il buon fine della notifica. Nel rapporto con il Sigit, il ricorrente o il suo difensore non dovranno accontentarsi della ricezione della ricevuta sincrona di accettazione dei documenti, che sarà rilasciata immediatamente a seguito dell’invio. La certezza del buon fine del deposito si avrà soltanto, entro le 24 ore successive alla trasmissione, sia tramite messaggio di Pec sia tramite avviso consultabile dall’“area riservata” (commi 9 degli articoli 7 e 8 del Dm 4 agosto 2015).

 

A titolo prudenziale, sarà, pertanto, buona abitudine evitare di attendere l’ultimo giorno per la teletrasmissione. I file teletrasmessi non dovranno avere dimensione superiore a 5 Mb, salva la loro frammentazione in più file rispettosi del limite imposto. Inoltre, dovranno rispettare i seguenti requisiti:

 

  • formato Pdf/A-1a o Pdf/A-1b

 

  • assenza di elementi attivi, tra cui macro e campi variabili

 

  • assenza di restrizioni per le operazioni di selezione e copia di parti di testo (non è ammessa la copia per immagine su supporto informatico di documenti analogici)

 

  • sottoscrizione con firma elettronica qualificata o firma digitale (il file deve avere estensione “.pdf.p7m”).

 

 

Una consistente semplificazione discenderà dalla possibilità di assolvere il contributo unificato tributario, tramite versamento telematico, mediante l’utilizzo di carte di credito/debito, anche prepagate, o con moneta elettronica: per avvalersi anche di questa facilitazione, occorrerà, però attendere l’emanazione del provvedimento di natura amministrativa, che darà pratica attuazione al disposto dell’articolo 1, comma 599, della legge 147/2013.

 

Ovviamente, il processo telematico avrà dirette conseguenze anche sui giudici e sui segretari di sezione, i quali, avvalendosi del Sigit e della firma elettronica qualificata o della firma digitale, condivideranno e sottoscriveranno gli atti processuali (verbali, sentenze, ordinanze, decreti, formule esecutive), così come contemplato dagli articoli 15, 16 e 17 del Dm 163/2013.

 

La dematerializzazione avrà positive conseguenze in termini di risparmio di denaro e di tempo e comporterà maggiori garanzie di riservatezza e di completezza dei fascicoli, in quanto lo scambio per via telematica, tra gli uffici giudiziari, avverrà direttamente per via telematica.

Fonte: Fisco Oggi, Rivista Telematica dell'Agenzia delle Entrate - articolo di Umberto Gatto
avatar
  Subscribe  
Notificami