fbpx

Processo Tributario Telematico, l’abilitazione del MEF necessaria per i Comuni

lentepubblica.it • 8 Luglio 2019

processo-tributario-telematico-abilitazione-mefProcesso Tributario Telematico, l’abilitazione del MEF è necessaria per i Comuni. Nella procedura questo passaggio è infatti obbligatorio per gli Enti Locali.


Il processo tributario telematico è d’obbligo anche per i Comuni relativamente ai giudizi tributari instaurati con ricorsi notificati dal 1 luglio 2019.

La novità deriva dal Decreto fiscale (dlgs 118/2019) che introduce l’obbligo della modalità telematica per la notifica e il deposito degli atti processuali, dei documenti e dei provvedimenti giurisdizionali presso le commissioni tributarie provinciali e regionali, per i ricorsi notificati alla controparte dal 1 luglio.

La modifica interessa il Codice del processo tributario (articolo 16 del dlgs 546/1992).

Processo Tributario Telematico, abilitazione MEF

È necessario, però, registrarsi al Sigit (Sistema Informativo della Giustizia Tributaria), disponibile sul portale www.giustiziatributaria.gov.it, per poter attivare il Processo tributario telematico (Ptt).

Per poter procedere, gli enti locali devono richiedere l’abilitazione al ministero dell’Economia, con l’elenco dei propri dipendenti da abilitare. Sarà consentita, così, l’interazione telematica tra le commissioni tributarie e le parti coinvolte e la sostituzione della modalità cartacea interamente con strumenti informatici.

Dal 1° luglio 2019 ricordiamo sarà obbligatorio il deposito telematico di atti e documenti relativi al processo tributario presso le Commissioni tributarie provinciali e regionali. Questo significa che il deposito cartaceo della documentazione verrà abolito.

L’unica eccezione è quella delle liti nelle quali il contribuente si difende senza assistenza tecnica corrispondenti alle controversie che abbiano un valore non superiore a euro 3.000.

Deroghe all’obbligatorietà sono previste per:
  • controversie instaurate dal contribuente che decide di stare in giudizio personalmente, quindi senza l’assistenza tecnica di un professionista;
  • in casi eccezionali il giudice, con provvedimento motivato, può autorizzare il deposito con modalità diversa da quella telematica.
Fonte: ASFEL - Associazione Servizi Finanziari degli Enti Locali
avatar
  Subscribe  
Notificami